Home | Interno | Ambiente | Confermata l’identità dell’orso aggressione di Andalo: è M57

Confermata l’identità dell’orso aggressione di Andalo: è M57

Presto riorganizzato il recinto del Casteller a Trento e creata una nuova area a Spormaggiore – L'Oipa Italia non gradisce l'iniziativa della Provincia

image

 >
Nella seduta odierna la Giunta provinciale ha affrontato il tema degli spazi destinati a ospitare orsi pericolosi: un argomento di attualità che desta l’interesse dell’opinione pubblica trentina e non solo.
È stato dato, infatti, il mandato al dipartimento agricoltura, foreste e difesa del suolo di provvedere nelle prossime settimane ad un adeguamento del recinto del parco faunistico di Spormaggiore, in previsione del trasferimento di DJ3, la femmina catturata nel 2011 e attualmente ospitata al Casteller.
Lo ha annunciato il presidente della Provincia autonoma di Trento in occasione della conferenza stampa di Giunta, precisando che lo stesso Casteller nel frattempo verrà riorganizzato, con un potenziamento delle barriere esterne e un ulteriore rafforzamento del recinto, mentre a Spormaggiore è prevista anche una nuova area di sicurezza, che verrà realizzata nei prossimi mesi.
 
La Giunta pensa anche di avviare un percorso amministrativo per incrementare il numero degli esemplari potenzialmente ospitabili nel recinto del Casteller, qualora dovessero esserci motivi di urgenza e in relazione alla gravità della situazione attuale rispetto alla sicurezza pubblica, con la presenza di orsi confidenti in prossimità dei centri abitati.
Si tratta comunque di lavori urgenti legati a sistemazioni temporanee degli esemplari, in attesa anche di una risposta da parte del Ministero competente su luoghi alternativi disposti ad accogliere orsi problematici.
È stata poi confermata dal presidente la notizia che l’orso catturato ad Andalo è M57, come risulta dalle analisi genetiche effettuate dalla FEM sulle tracce rinvenute a seguito dell’attacco al giovane carabiniere la scorsa settimana.

Il presidente dell’Oipa Italia, Massimo Comparotto, non gradisce l’iniziativa.
«Il presidente della Provincia autonoma di Trento – scrive in una nota per la stampa – ha deciso di far diventare il suo territorio un centro di detenzione per orsi.
«Ci chiediamo quale sia la base etica e scientifica della sua ultima ordinanza che prevede la cattura e la cattività per qualsiasi orso che si dovesse solo avvicinare ai centri abitati.
«Invece di collezionare orsi nei recinti, Fugatti dovrebbe lavorare sulla prevenzione e, se è vero che il numero degli esemplari sta crescendo, su un piano di sterilizzazione.
«Per non far diventare il Life Ursus un Caught Ursus. E prenda esempio dalla Regione Abruzzo dove la convivenza uomo-orso non presenta criticità.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande