Home | Interno | Ambiente | La Corte di Giustizia condanna l’Italia per inquinamento dell'aria

La Corte di Giustizia condanna l’Italia per inquinamento dell'aria

Ma il Trentino non è fra i territori inadempienti: i limiti alla concentrazione delle polveri sottili (PM10) sono rispettati costantemente dal 2013 su tutto il territorio provinciale

image

>
Il 13 ottobre 2018 la Commissione europea ha presentato un ricorso contro la Repubblica italiana davanti alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, poi accolto il 10 novembre 2020, rilevando - riguardo a determinate aree del territorio italiano - «una violazione sistematica e continuata», tra il 2008 e il 2017, della normativa europea che impone limiti giornalieri e annuali alla concentrazione in atmosfera di polveri sottili (PM10).
Il Trentino non si trova fra le aree oggetto della condanna in quanto, a partire dal 2013, si è registrato il costante rispetto dei limiti in tutte le stazioni di monitoraggio presenti sul territorio provinciale.
Col suo ricorso, la Commissione europea ha rilevato che i piani per la qualità dell’aria, adottati in seguito al superamento dei valori limite di concentrazione di polveri sottili nei territori oggetto della condanna, «non permettono né di rispettare i valori limite, né di limitare il loro superamento al periodo più breve possibile».
 
Dal canto suo, la Provincia autonoma di Trento può invece contare su una pianificazione puntuale ed estesa. Infatti, il vigente Piano provinciale di tutela della qualità dell’aria, approvato nel 2018 (e consultabile sul sito web dedicato https://pianoaria.provincia.tn.it/), contiene un dettagliato elenco di strategie e azioni per la riduzione degli inquinanti atmosferici.
Per quanto riguarda in particolare le polveri sottili, oggetto della condanna comminata all’Italia dalla Corte di Giustizia europea, è bene ricordare che in Trentino la fonte primaria dell’80% delle emissioni di tale inquinante è la combustione domestica della biomassa legnosa.
Il Piano provinciale contiene al riguardo numerose azioni di contrasto, tra cui le iniziative per sensibilizzare i cittadini riguardo agli impatti della combustione della legna sulla salute umana e sull’ambiente, nonché per diffondere la conoscenza delle «buone pratiche» di combustione, che permettono di ridurre in maniera significativa gli inquinanti emessi in ambito domestico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni