Home | Interno | Ambiente | L'invito ai padroni di cani: «Non pensarci, raccoglila»

L'invito ai padroni di cani: «Non pensarci, raccoglila»

Avviata campagna di sensibilizzazione affinché le deiezioni canine vengano raccolte

Troppe deiezioni di cani in giro, sia in città che nelle passeggiate più frequentate: in vista della bella stagione il Comune lancia una campagna di sensibilizzazione verso i padroni di cani, invitandoli a fare il loro dovere e raccogliere gli escrementi degli animali.
E non escludono maggiori controlli della polizia locale.
In tempi recenti sono state numerose le segnalazioni da parte dei cittadini sui troppi «ricordini» di cani in cui ci si imbatte, sia sui marciapiedi, per via o lungo le strade.
Il Comune si è fatto carico di questo problema, e l'assessore Stefano Gatti, in collaborazione con i servizi comunali e la biblioteca, sta lanciando una campagna di sensibilizzazione.
Perché, sciolta la neve che nascondeva tutto, sono ricomparse le deiezioni dei mesi scorsi.
 
«Scende la neve, il paesaggio diventa tutto bianco, candido, da fiaba, una cosa che non succedeva da anni e che restituisce una veste poetica al nostro territorio. Ma si sa la neve è effimera e dopo un certo periodo scompare, sul terreno rimangono delle tracce inconfondibili: le mascherine perse e soprattutto le deiezioni dei cani, – riflette l'assessore Gatti. – Forse i proprietari pensavano che come per la neve si sarebbero dissolte, ma così non è e naturalmente lo sdegno dei cittadini cresce.
«Non c'è dubbio che il rispetto e il senso civico in questa nostra moderna civiltà sta venendo sempre meno, e molto spesso ci si dimentica che la libertà di ciascuno di noi termina dove inizia la libertà degli altri.
«È necessario ripartire dal rispetto e dal senso civico. Ecco allora che su stimolo anche di diversi nostri cittadini l'amministrazione comunale ha messo in atto una campagna di sensibilizzazione che ricordi gli obblighi ai proprietari di animali, in particolare dei proprietari di cani.
«Un obbligo tanto semplice quanto ignorato: la raccolta della "cacca" del proprio cane. È un'azione che denota rispetto nei confronti degli altri e di decoro per la propria città.»
 
La campagna di sensibilizzazione è partita con la diffusione sul web (sulla pagina Facebook e sul sito Internet del Comune) con un manifesto realizzato con la collaborazione del personale della biblioteca di Ala e con l'aiuto del corpo di Polizia locale di Ala e Avio.
Ma non mancheranno i controlli: la campagna sarà affiancata da una attenta verifica da parte dei Vigili urbani che monitoreranno il territorio, intervenendo anche con sanzioni (la cifra prevista è di 50 euro).
 
«La campagna di sensibilizzazione – prosegue Gatti – prevede inoltre la realizzazione di alcune tabelle che riporteranno la vignetta realizzata con la biblioteca.
«Verranno esposte da esporre in corrispondenza dei dispenser per la distribuzione dei sacchetti, proprio per cercare di ricordare gli obblighi ai proprietari degli animali.
«L'invito che l'amministrazione rivolge alla propria cittadinanza – conclude l'assessore - è di essere rispettosi delle regole affinché siano tutelati i diritti di tutti, dei padroni dei cani e di coloro che non hanno animali.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni