Home | Interno | Ambiente | Il giallo del sito che commercializza esche killer per animali

Il giallo del sito che commercializza esche killer per animali

LEAL segnala alla polizia postale un sito dove si pubblicizzava l'efficacia di esche velenose

LEAL ha visionato con i propri legali il sito di una azienda di vernici, Ferber Painting, segnalato da attivisti e volontari e ci hanno prodotto screenshot del sito dove si pubblicizzava con tanto di foto del prodotto e degli animali, l'efficacia di esche velenose. Era specificato «Morte del gatto» e «500 esche che possono uccidere fino a 500 gatti randagi».
Nel mirino delle esche killer, oltre a cani e gatti, vi erano specie protette in Europa quali i pipistrelli e specie selvatiche tra cui volpi e cinghiali ma anche serpenti. Un disclaimer del sito informava che le esche non sarebbero state inviate in Paesi in cui le specie elencate sono sotto tutela.
 
Tuttavia i commenti di soddisfazione degli utenti, scritti anche in italiano lasciavano molti interrogativi e dubbi in proposito. Dopo le proteste di tanti utenti indignati il sito ha dapprima attribuito le vendite di questi prodotti ad un'operazione di hackeraggio. La parola «esca» è stata sostituita «repellente» ed eliminando tutto quello che potrebbe costituire un reato. I pagamenti PayPal sono tracciabili dagli acquisti si spera che si possa risalire quanto prima alla verità.
 
Gian Marco Prampolini, presidente LEAL ha dichiarato: «Come associazione che tutela gli animali non possiamo esimerci dall'approfondire questa vicenda presenta tanti aspetti da chiarire e potrebbe rappresentare un caso di gravi reati nei confronti degli animali. Abbiamo consegnato al nostro ufficio legale la documentazione che provvederà a fare un esposto alla Polizia Postale. Gli animali morti per avvelenamento sono destinati ad una lunga e dolorosa agonia e le carcasse non rimosse sono rischiose per la popolazione umana e per l'ambiente e possono avvelenare la catena alimentare causando la morte di altri animali.»
 
Per contrastare il fenomeno della diffusione di esche e bocconi avvelenati ne è stata vietata la vendita su tutto il territorio nazionale è stata emanata l'ordinanza Ministeriale 18 dicembre 2008. La proroga più recente dell'OM è datata 12 luglio 2019 (GU N. 196 del 22 agosto 2019).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Giuseppina Raciti 24/11/2022
hanno cambiato la dicitura da Killer a repellente ma si parla sempre di "ingestione" dell'esca a seguito della quale l'animale viene "respinto". Il produttore è americano e forse sul loro territtorio è normale uccidere avvelenando gli animali selvatici. Vi prego fateli oscurare
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande