Home | Interno | Ambiente | Val di Fiemme, il gallo cedrone «confidente» è stato riabilitato

Val di Fiemme, il gallo cedrone «confidente» è stato riabilitato

Si avvicinava alle persone e rappresentava un pericolo. Dopo lo spostamento è stato monitorato anche con radiocollare

image

>
Il gallo cedrone confidente della Val di Fiemme ha riacquisito la sua naturale diffidenza verso l’uomo.
Ha dunque raggiunto l’effetto sperato, l’operazione di gestione e salvaguardia che il Corpo forestale trentino - in collaborazione con il Servizio Faunistico della Provincia - ha condotto in favore di un esemplare dal comportamento anomalo, avvistato a inizio anno a Passo Lavazè.
Un esemplare diventato suo malgrado protagonista di selfie e video postati sui social network per le sue comparsate sulla pista da sci.
Questo splendido animale, un maschio, cantava come se fosse il periodo degli amori, si lasciava avvicinare e addirittura toccare, senza troppo timore.
 
Appartenente alla sottofamiglia dei tetraonidi e specie emblema dei boschi delle Alpi, questo esemplare aveva causato preoccupazione per la sua eccessiva familiarità con gli esseri umani, esponendosi a rischi significativi e creando potenziali pericoli per gli sciatori.
Dopo un'attenta valutazione e con il parere favorevole dell'Osservatorio Faunistico provinciale, il personale forestale - affiancato dal biologo specializzato in tetraonidi, dottor Luca Rotelli - aveva proceduto con una delicata operazione di cattura e traslocazione il 7 febbraio.
L'animale, trattato con il massimo rispetto e cura, è stato dotato di un radiocollare Vhf per il monitoraggio del suo benessere e dei suoi spostamenti. Nel corso dei mesi successivi, il Corpo Forestale trentino e il Servizio Faunistico hanno vigilato costantemente sul gallo cedrone, documentando il suo adattamento e la sua riabilitazione.
 
L'operazione è stata un successo e la stagione degli amori è stata un banco di prova per questo soggetto dal comportamento anomalo.
Il gallo cedrone non solo è ora in ottime condizioni fisiche, ma ha anche recuperato il suo istintivo distacco dagli esseri umani, fondamentale per la sua sopravvivenza in un ambiente naturale che presenta numerosi pericoli, tra cui predatori e potenziali atti di bracconaggio.
In caso di avvistamento di un gallo cedrone dalla condotta insolita, le persone sono invitate segnalarlo: il personale del Corpo forestale trentino e quello del Servizio Faunistico valuteranno l'intervento più opportuno.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande