Home | Interno | Ambiente | Passi dolomitici, via al monitoraggio del traffico

Passi dolomitici, via al monitoraggio del traffico

Ventiquattro telecamere raccoglieranno informazioni sul flusso dei veicoli

image

>
Ventiquattro telecamere monitoreranno i flussi di traffico sui passi dolomitici.
A prevederlo è la convenzione tra le Province autonome di Trento e Bolzano, approvata dalla giunta su proposta dell’assessore all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo Roberto Failoni.
«Il confronto avviato sul territorio da questa Giunta provinciale, anche presso il Comune di Canazei con operatori ed enti per definire quali iniziative mettere in campo dal 2019 in poi, ha fatto emergere l’esigenza un ragionamento organico sull’intera area del Sella Ronda» spiega Failoni.
L’esecutivo guidato dal presidente Maurizio Fugatti ha ritenuto che le limitazioni al traffico messe in campo a partire dal 2017 per il solo passo Sella non consentissero di dare un’efficace risposta ad un problema di «overtourism» che riguarda un’area molto più vasta, a partire dal fondovalle e per l’intero circuito del Sella Ronda.
 
Per questo si è ritenuto necessario disporre di misure unitarie e comuni da parte di tutti gli enti territoriali interessati – compreso il Veneto con il Bellunese – a partire da una comune base giuridica d’azione.
Le Province di Trento e Bolzano, in sinergia con Belluno, si occuperanno in maniera sistematica e continuativa del monitoraggio del traffico lungo i quattro passi Sella (2.240 metri), Gardena (2.127 metri), Campolongo (1.875 metri) e Pordoi (2.239 metri), oltre che dell’anello stradale alimentato dalle statali 242 della Val Gardena, 244 della Val Badia, 48 della Val di Fassa e della regionale 48 passante per Arabba.
Qui, nel corso dell’estate verranno installate 24 telecamere fisse in 12 postazioni strategiche.
Grazie all’utilizzo di un software specifico, capace di leggere i numeri di targa anche in condizioni di scarsa luminosità - tutelando comunque la privacy dei proprietari - sarà possibile classificare almeno 4 categorie di veicoli (moto, auto, bus e altri mezzi).
 
Questo sistema consentirà alle amministrazioni di determinare con precisione il numero dei passaggi e la destinazione dei veicoli: informazioni necessarie per elaborare un progetto ad hoc per una mobilità soft.
La Provincia di Trento sosterrà la metà della spesa dell’iniziativa, che proseguirà fino al 2027, per un importo massimo di 100mila euro.
Nonostante le Province abbiano ritenuto necessario evitare di riproporre nel 2019 misure di limitazione del traffico su passo Sella, sarà mantenuto per tutta l’estate il servizio cadenzato di trasporto pubblico sia sulla linea di fondovalle, sia sui passi Sella, Pordoi e San Pellegrino.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone