Home | Interno | Bolzano | Pensioni basse, rafforzate le misure di sostegno al reddito

Pensioni basse, rafforzate le misure di sostegno al reddito

La Provincia autonoma di Bolzano eleva il limite di reddito per il contributo per l’affitto e aumenta l'importo del contributo

Dal settembre 2014 chi percepisce una pensione bassa ha diritto ad un contributo provinciale per l’affitto e le spese accessorie.
L'anno scorso, oltre 2.000 pensionati altoatesini hanno percepito questo contributo, ma vi è ancora oggi una fascia di aventi diritto che, per varie ragioni, non richiedono questo sostengo all’ente pubblico.
La Giunta provinciale ha deliberato di recente l’aumento dell’importo del contributo e anche l'aumento dell’importo netto annuo che rientra nel contributo stesso, in modo da allargare il numero degli aventi diritto.
I dettagli delle misure sono stati presentati questa mattina (8 giugno) dall’assessora provinciale Martha Stocker e dal direttore della Ripartizione politiche sociali, Luca Critelli, unitamente ai rappresentanti dei sindacati dei pensionati.
 
«Abbiamo deciso di allargare la platea di coloro che hanno diritto al sostegno provinciale - ha spiegato la Stocker - e di adeguare gli importi già introdotti a partire dal 2014. In questo modo, sempre nell’ambito di quanto previsto dalle norme nazionali e dall’INPS, si vuole venire incontro ai pensionati altoatesini che percepiscono una pensione bassa ed hanno obiettive difficoltà economiche. Attraverso una capillare campagna di sensibilizzazione, che coinvolgerà anche i sindacati dei pensionati, attraverso i rispettivi Patronati, vogliamo raggiungere ed informare tutti coloro che hanno diritto a queste misure di sostegno sociale.»
In sostanza la Giunta ha deciso di abbassare da 70 a 65 anni l’età di coloro che percepiscono una pensione bassa ed hanno quindi diritto ad un contributo maggiorato per le spese d’affitto ed accessorie per l’alloggio.
Contemporaneamente l’importo complessivo massimo delle entrate nette da pensione passa da un massimo di 7.800 euro (650 euro mensili) a 9.000 euro all'anno (750 euro mensili), mentre egli importi delle prestazioni rispettivamente di 150/170/185 euro mensili sinora previsti vengono aumentati sono ad un massimo di 200 euro al mese.
«Le novità – ha aggiunto Luca Critelli - partono da luglio 2018. Le domande vanno presentate al Distretto sociale di riferimento e le prime potranno essere inoltrate a partire dal prossimo 21 giugno. La presentazione di una domanda è possibile in ogni momento.»
 
I pensionati che non hanno i requisiti per l‘importo maggiorato, ma che dispongono comunque di un reddito basso, possono rivolgersi al Distretto sociale per verificare il diritto al normale contributo per i costi accessori, leggermente più basso (fino ad un reddito di circa 1.090 euro mensili per persone singole; fino a circa 1.420 euro mensili per coppie).
Qualora la persona viva in affitto da privati, può essere richiesto un contributo al canone di locazione (fino ad un reddito di circa 1.330 euro mensili per persone singole; fino a circa 1.740 eirp mensili per coppie).
Questo contributo può essere richiesto al Distretto sociale nel quadro della stessa domanda.
I rappresentanti dei pensionati in seno alle organizzazioni sindacali, Gastone Boz (CGIL), Stephan Vieider (ASGB), Remigio Servadio e Danilo Tommasini (UIL), Annarita Montemaggiore (CISL), hanno quindi espresso il loro ringraziamento per la misura adottata dalla Giunta ed assicurato il loro impegno per diffondere capillarmente tra i loro iscritti le informazioni relative alle nuove opportunità previste dalla normativa provinciale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone