Home | Interno | Bolzano | Due minorenni arrestate a Bolzano dalla Polizia di Stato

Due minorenni arrestate a Bolzano dalla Polizia di Stato

Stavano tentando un furto in pieno giorno, ma una è stata sopraffatta dalla vittima e l'altra è stata catturata dagli agenti

Nella mattinata di mercoledì 28 Novembre 2018, nel quadro di un’ampia attività di controllo del territorio urbano finalizzata al contrasto dei reati predatori e all’aumento del livello di percezione della sicurezza nella cittadinanza, la Polizia di Stato ha proceduto all’arresto di due ragazze minorenni, già gravate da numerosi precedenti penali e di polizia, responsabili di tentato furto aggravato in abitazione.
In particolare, alle ore 11.30 circa, una pattuglia della Squadra Volante veniva inviata dalla Sala Operativa della Questura presso un’abitazione del quartiere Gries, in quanto era giunta una segnalazione di furto in atto all’interno della stessa.
Giunti tempestivamente sul posto, gli operatori potevano subito constatare che una delle due responsabili era già stata bloccata proprio dalla vittima del reato, mentre la complice era riuscita a far perdere le proprie tracce.
 
Ascoltato in merito all’accaduto, il proprietario dell’appartamento riferiva che, mentre si trovava in casa, udiva un paio di colpi provenire dal piano terra, seguiti da un rumore di vetri infranti.
Si affacciava al balcone per capire cosa stesse accadendo e subito notava due ragazze, una delle quali con in mano la grossa pietra utilizzata pochi istanti prima per sfondare la porta d’ingresso in vetro.
Vedendolo, le donne si davano repentinamente alla fuga ma a quel punto l’uomo, decideva di inseguirle, chiamando contemporaneamente il 112 NUE.
In pochi istanti le raggiungeva mentre tentavano di superare una recinzione, riuscendo a fermare una delle due.
 
Quest’ultima, sottoposta a controllo da parte dei poliziotti, veniva trovata in possesso di un cacciavite di grosse dimensioni nello zaino che portava con sé e utilizzato con molta probabilità in precedenza per forzare la porta d’ingresso dell’appartamento in questione.
Allo stesso tempo, l’uomo riusciva a fornire agli agenti intervenuti una dettagliata descrizione della complice fuggitiva.
Diramate pertanto le ricerche dalla Sala Operativa, un’altra pattuglia della Squadra Volante rintracciava, pochi minuti dopo, nei pressi di via Druso, una ragazza perfettamente corrispondente all’identikit fornito dalla vittima che l’aveva vista scavalcare una recinzione e avvicinarsi ad una bicicletta con fare sospetto.
Alla luce di quanto accertato, le due minorenni, fuggite pochi giorni prima da una comunità del nord Italia in cui erano temporaneamente collocate, venivano dichiarate in stato di arresto e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, condotte presso l’Istituto Penitenziario Minorile di Treviso.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone