Home | Interno | Bolzano | Reddito di cittadinanza: le Regioni coinvolte nell’attuazione

Reddito di cittadinanza: le Regioni coinvolte nell’attuazione

I rappresentanti delle Regioni hanno incontrato il ministro Di Maio – Waltraud Deeg: «Le nostre prestazioni sociali sono più vicine alle esigenze della popolazione»

La Conferenza delle Regioni, riunitasi oggi a Roma, si è nuovamente occupata della tematica riguardante il reddito di cittadinanza approvato il mese scorso dal Senato.
Ha preso parte all’incontro, in rappresentanza della Giunta provinciale, l’assessora alle politiche sociali, Waltraud Deeg, secondo la quale «l’atteggiamento delle Regioni nei confronti della nuova misura è caratterizzato da un certo scetticismo in merito alla sua realizzazione pratica.
«Per questa ragione abbiamo ottenuto che i prossimi passi verso l’attuazione del reddito di cittadinanza vengano fatti in accordo con le Regioni e le Province autonome che si impegneranno nell’osservanza di questa assicurazione espressa dal Governo.»
 
«Siamo convinti – prosegue l’assessora – che il nostro sistema sociale abbia creato una fitta rete di misure nell’ambito delle politiche sociali e quindi che il concetto di reddito di cittadinanza nella nostra provincia abbia già trovato, da anni, una sua concreta applicazione pratica.»
La popolazione altoatesina avrà comunque la possibilità di presentare domanda per il reddito di cittadinanza, previsto a livello nazionale, o per le prestazioni sociali erogate dalla Provincia.
«Anche dopo l’incontro odierno sono convinta – ha aggiunto l’assessora Deeg – che le nostre prestazioni siano più mirate e più vicine alle esigenze dei nostri concittadini, anche se da parte nostra vi è un costante impegno nell’ulteriore adeguamento e sviluppo di queste misure.»
 
Dopo la trattazione al Senato la discussione nelle prossime settimane passerà alla Camera. La Provincia di Bolzano ha presentato a questo riguardo una proposta di modifica nella quale si chiede che il reddito di cittadinanza venga applicato sulla base delle indicazioni in vigore in Alto Adige.
Prima della seduta della Conferenza si è svolto un incontro con il ministro del lavoro e degli affari sociali, Luigi Di Maio, nel corso del quale è stato toccato il tema delle ripercussioni del reddito di cittadinanza sui centri di mediazione al lavoro.
«Le perplessità che sono state esposte sono assolutamente condivisibili in quanto se lo scopo è quello di offrire un servizio efficiente e vicino alle esigenze dei cittadini, con le attuali premesse tutto ciò appare difficilmente realizzabile», – afferma l’assessora alle politiche sociali, Waltraud Deeg.
 
Il ministro Di Maio ha assicurato, anche a questo proposito, di voler cercare l’interlocuzione con le Regioni e che i prossimi passi verso l’attuazione del reddito di cittadinanza verranno attuati solo in accordo con esse.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone