Home | Interno | Bolzano | Caserma Mercanti di Appiano, intesa per una parte dell’area

Caserma Mercanti di Appiano, intesa per una parte dell’area

L'areale ospiterà la sede della Protezione civile e l’ampliamento della zona produttiva. A breve la firma dell'accordo

image

>
La Giunta provinciale ha autorizzato oggi il presidente della Provincia Arno Kompatscher a firmare il protocollo d’intesa per l’ex caserma Mercanti di Appiano.
L’accordo regola i rapporti fra Stato e Provincia rispetto all’utilizzo di 1,6 ettari dell’area, parte dei 6,5 complessivi su cui si estende l’intero areale militare.
Entro fine marzo il direttore nazionale dell’Agenzia del Demanio Riccardo Carpino, il presidente Kompatscher per la Provincia di Bolzano, il Commissariato del Governo di Bolzano e il Comune di Appiano firmeranno il protocollo d’intesa.
Potranno poi partire le procedure propedeutiche al riutilizzo dell’area.
 
L'area di 1,6 ettari oggetto del protocollo sono attualmente di proprietà dello Stato, che intende realizzarvi la nuova caserma dei carabinieri di Appiano.
L’accordo prevede che la struttura venga realizzata dalla Provincia di Bolzano (Ripartizione edilizia) con un investimento di 5.480.000 euro.
In cambio lo Stato cederà alla Provincia una superficie di pari valore, ossia circa 1,6 ettari.
Parte di questa superficie verrà ceduta dalla Provincia al Comune di Appiano, che vi realizzerà la nuova sede della Protezione civile (caserma dei vigili del fuoco e soccorso alpino) e un’area di espansione della vicina zona produttiva.
 
In questo modo si restituisce alla comunità locale un bene pubblico prezioso non più utilizzato dallo Stato. La collettività recupera così 1,6 ettari di superficie edificabile in una zona di valore strategico, consentendo così di ampliare la zona produttiva senza consumare verde agricolo.
«La firma del protocollo d’intesa è il frutto di una collaborazione riuscita che valorizza il territorio. Grazie all’accordo fra tutte le parti, civili e militari, siamo oggi in grado di raccogliere risultati concreti a vantaggio della collettività» ha sottolineato Arno Kompatscher.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone