Home | Interno | Calamità | Etna, 28 febbraio settimo parossismo, rapido quanto intenso

Etna, 28 febbraio settimo parossismo, rapido quanto intenso

Dalle 7.55 fino alle 9.20 l’attività stromboliana si è concentrata principalmente in due bocche e ha raggiunto un’altezza di circa 300 metri

image

Foto: Osservatorio Etneo dell’INGV, B. Behncke.
 
Nell’ultimo giorno del mese di febbraio, l’Etna ha prodotto un nuovo spettacolare evento parossistico al Cratere di Sud-Est, il settimo della sequenza iniziata il giorno 16 febbraio.
Già nelle prime ore della mattina del 28 febbraio, infatti, una nuova attività di fontana di lava, con emissione di cenere, è stata registrata dalla Sala Operativa dell'Osservatorio Etneo dell’INGV di Catania.
La primissima e isolata esplosione, che ha marcato l’inizio di questo nuovo episodio eruttivo, è avvenuta alle ore 7:55.
Da quel momento in poi, vi è stato un rapidissimo evolversi degli eventi. L’attività stromboliana, caratterizzata da un getto continuo già dalle 8:30 circa, si è concentrata principalmente in due bocche e ha raggiunto, inizialmente, un’altezza di circa 300 metri.
 
Il tremore vulcanico, che fino a quel momento si era mantenuto a un livello medio, successivamente all’inizio della fontana di lava ha raggiunto valori elevati.
Al suo picco, l’attività vulcanica ha prodotto grosse fontane di lava che hanno coperto l’intero cono del Cratere di Sud-Est, con colate di lava e flussi piroclastici che sono durate circa mezz’ora.
Successivamente, alle 9:20 della mattina, è stato osservato un improvviso quanto repentino decremento del tremore, fino a valori medio-bassi.
La sorgente del tremore, però, è perdurata nell'area del Cratere di Sud-Est ad una profondità di circa 2.600 metri sopra il livello del mare fino alle prime ore del pomeriggio, quando ha iniziato a spostarsi e ad approfondirsi al di sotto dei crateri centrali.
 
Questo parossismo è stato caratterizzato da una notevole intensità ma da una breve durata: l’attività di alte fontane di lava è durata circa mezz’ora, provocando un'intensa ricaduta di lapilli lungo la fascia pedemontana che va da Zafferana, Milo, Fornazzo fino a Giarre, raggiungendo appena a monte di Fornazzo le dimensioni fino a 6 cm. Infatti, alle ore 9:33, il fontanamento al Cratere di Sud-Est è cessato quasi improvvisamente, nel giro di un minuto circa, mentre rimaneva attiva la colata lavica verso la Valle del Bove.
Anche in questa occasione, squadre dell’INGV dell’OE di Catania e di Roma si sono recate sul posto per effettuare misure in tempo reale sulla fontana di lava e monitorare l’evento eruttivo.

Come per gli eventi passati, le osservazioni delle fontane di lava hanno previsto l’utilizzo di telecamere termiche ad alta velocità e misure della composizione chimica dei gas emessi tramite la tecnica di telerilevamento a infrarosso.
L’INGV diffonde tempestivamente tutte le informazioni sui parossismi dell’Etna sui canali social dell’INGV.
In particolare, i canali INGVVulcani di Facebook, Twitter e Instagram sono continuamente aggiornati anche con i Comunicati emessi costantemente dall’Osservatorio Etneo dell’INGV e con foto e immagini significative dei fenomeni.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni