Home | Interno | Calamità | Etna, 7 marzo 2021, all’alba il decimo parossismo

Etna, 7 marzo 2021, all’alba il decimo parossismo

L'eruzione ha raggiunto i 10.000 metri: cenere e lapilli finitisui paesi etnei di Milo, Fornazzo, Trepunti, Giarre, Macchia di Giarre, Mascali, Riposto e Torre Archirafi

image

>
Nelle prime ore di domenica 7 marzo, l’Etna ha prodotto un altro spettacolare evento parossistico al Cratere di Sud-Est, il decimo della sequenza iniziata lo scorso 16 febbraio.
Nelle primissime ore della mattina del 7 marzo, infatti, una nuova colata lavica ha iniziato ad essere emessa dal Cratere etneo.
L’INGV ha comunicato questo fenomeno già a partire dalle 2:00 di notte, insieme all’inizio dell’aumento del tremore vulcanico e dell’attività stromboliana del Cratere di Sud-Est che, questa notte, si è sommata a quella, mai interrotta, degli altri crateri sommitali.
 
Il crescendo di intensità dei fenomeni è proseguito per ore e alle 4:30 l’intensa attività stromboliana ha prodotto una nube di cenere che ha raggiunto i 5.000 metri di altezza ed è stata spinta dai venti verso Est. Nel frattempo, la colata, lentamente, ha raggiunto quota 2.900 metri.
Anche il tremore vulcanico è aumentato progressivamente durante la notte. Nelle prime ore del mattino, infatti, alle ore 6:00 circa era su valori alti mentre la colata, scendendo, raggiungeva quota 2.700 metri.
Vi è da sottolineare, però, che fino a quel momento, l’attività esplosiva pur intensa, non aveva ancora manifestato fontane di lava.
 
Intorno alle 7:00 del mattino, l’intensità del parossismo ha prodotto una vera e propria fontana di lava e alle 7:20 la colonna eruttiva ha raggiunto i 10.000 metri di quota producendo una copiosa ricaduta di cenere e lapilli sui paesi etnei di Milo, Fornazzo, Trepunti, Giarre, Macchia di Giarre, Mascali, Riposto e Torre Archirafi.
Dalle 7:45 il tremore vulcanico ha mostrato un rapido decremento dell'ampiezza portandosi a livelli medio-bassi e la fontana di lava è terminata alle 8:10, pur permanendo una debole emissione di cenere dal Cratere Sud-Est.
Tuttavia, poco prima delle 11:00, l’incremento dell'ampiezza del tremore vulcanico è ripreso, fino ad arrivare nuovamente a valori medio-alti, accompagnandosi una nuova intensa attività stromboliana al sempre allo stesso Cratere e con una nube di cenere che si è dispersa nel settore orientale del vulcano.
 
Questa attività è ancora in corso e l’INGV ne segue costantemente lo sviluppo.
Come per gli eventi passati sono in corso di realizzazione da parte di personale INGV OE rilievi di terreno per il campionamento dei prodotti di ricaduta e successive analisi di laboratorio.
L’INGV diffonde tempestivamente tutte le informazioni sui parossismi dell’Etna sui canali social dell’INGV. In particolare, i canali INGVVulcani di Facebook, Twitter e Instagram sono continuamente aggiornati anche con i Comunicati emessi costantemente dall’Osservatorio Etneo dell’INGV e con foto e immagini significative dei fenomeni.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni