Home | Interno | Calamità | Maltempo in Alto Adige, stabilire priorità e piani d'intervento

Maltempo in Alto Adige, stabilire priorità e piani d'intervento

Oggi la prima riunione tecnica con i proprietari dei boschi abbattuti e i sindaci dei Comuni colpiti

image

>
Un tavolo di lavoro su come procedere con il recupero e la vendita del legno, un fondo d’emergenza immediatamente accessibile dai proprietari privati per i primi interventi e un management plan per fare sì che «ciascuno sappia esattamente cosa fare e come farlo».
Sono queste le misure messe in campo oggi (6 novembre) dal presidente della Provincia Arno Kompatscher e dal suo collega di Giunta con competenza per la protezione civile Arnold Schuler nell’ambito della riunione tecnica organizzata alla Scuola forestale Latemar sopra Nova Levante per fare il punto della situazione dei boschi dell'Alto Adige dopo che la notte del 29 ottobre violentissime raffiche di vento hanno divelto alberi per un volume di oltre 600.000 metri cubi.
Alla riunione tecnica hanno partecipato anche un centinaio di proprietari dei terreni boschivi, cui appartiene un terzo delle aree devastate da quello che Kompatscher e Schuler hanno ribadito essere stato «un evento epocale dalla portata catastrofica».


 
Un terzo dei boschi danneggiati di selvicoltori privati
Sono loro, selvicoltori che basano il proprio sostentamento sulla gestione del legno derivante dal bosco, la categoria economicamente più colpita dalle conseguenze del maltempo dei giorni scorsi.
Oltre alle aree di proprietà dei privati, un ulteriore terzo appartiene al Demanio provinciale e la rimanente parte ai Comuni di Cornedo, Nova Levante e Tires.
Fra le conseguenze della falcidia degli alberi della val d’Ega e degli altri Comuni altoatesini interessati c’è il fatto che l’abbondanza di legname da raccogliere e riutilizzare, non solo in Alto Adige ma anche in tutte le regioni vicine, sta comportando un calo generalizzato del prezzo di questa materia prima e le conseguenze sui bilanci familiari dei selvicoltori rischiano di essere enormi, indipendentemente da quelle ambientali degli anni a venire, relative alla sicurezza dei pendii e alla prevenzione del dissesto idrogeologico garantito dagli alberi stessi.
 

 
Ripristinare le strade forestali e organizzare la logistica
Tre le priorità indicate nell’ambito della riunione tecnica di questa mattina: la sistemazione delle strade forestali e la logistica del trasporto a valle dei tronchi, la necessità di manodopera e macchinari per gestire i lavori di recupero del legname e infine il finanziamento preventivo di tali interventi.
Il presidente Kompatscher ha sottolineato l’esigenza di mantenere un «approccio razionale, misurato e pratico al pur enorme dramma che coinvolge l’intera comunità, grazie a un management plan concordato fra tutte le parti. Il piano comune, pronto entro qualche giorno dopo le dovute consultazioni con le parti, stabilirà i passi da compiere per i singoli selvicoltori danneggiati anche dal punto di vista degli aiuti finanziari».
 

 
Il tavolo ad hoc e il coordinamento con il resto d'Italia
Questo pomeriggio è programmata la prima riunione del tavolo di lavoro creato 3 anni fa per gestire la risorsa legno a livello provinciale, al quale prendono parte tutti gli attori che in qualche modo operano con questa materia prima.
Un ruolo di primo piano hanno in questo senso i proprietari delle segherie, coinvolti in prima persona a lavorare l’immensa mole di legno che deve essere ora recuperato e utilizzato.
Ieri (5 novembre) il presidente della Provincia ha emanato due decreti, uno per dichiarare lo stato di calamità a livello provinciale e rendere così più snelle e meno burocratiche le procedure di intervento consentendo anche affidamenti diretti, l’altro per richiedere l’accesso al fondo straordinario istituito a livello nazionale per gestire l’emergenza maltempo.
Con i presidenti delle altre Regioni colpite è fissata per questo pomeriggio una videoconferenza.
All’incontro di stamattina alla Scuola Forestale Latemar erano presenti il direttore della Ripartizione foreste Mario Broll, il direttore dell’Agenzia Demanio provinciale Josef Schmiedhofer, il direttore del Servizio strade Philipp Sicher, il sindaco del Comune di Nova Levante Markus Dejori, il suo vice Jürgen Pardeller, il presidente della comunità comprensoriale Salto-Sciliar Albin Kofler, la sindaca di Cornedo all’Isarco Martina Lantschner e il presidente di comprensorio dei vigili del fuoco volontari Martin Künig.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone