Home | Interno | Calamità | ITAS in visita oggi ai luoghi colpiti dall'ondata di maltempo

ITAS in visita oggi ai luoghi colpiti dall'ondata di maltempo

I vertici della Compagnia assicurativa hanno fatto un sopralluogo in val di Fiemme per valutare i primi interventi operativi

Dopo la straordinaria ondata di maltempo che ha colpito il nord Italia nei giorni scorsi, i vertici di ITAS Assicurazioni hanno effettuato questa mattina un importante sopralluogo in val di Fiemme, uno dei luoghi più colpiti dal maltempo in Provincia di Trento assieme alla Val di Sole, Primiero, Valsugana e Pinetana.
Raffaele Agrusti, amministratore delegato e direttore generale, con Alessandro Molinari, vicedirettore generale, hanno verificato in prima persona la situazione del territorio, accompagnati nel Comune di Ziano di Fiemme dal sindaco Fabio Vanzetta e dall’agente generale ITAS di Predazzo Elio Brigadoi, che hanno offerto la loro preziosa testimonianza in una delle valli simbolo di questa tragedia.
ITAS già da diversi giorni sta monitorando costantemente la situazione in tutta la regione, mettendo a disposizione la capillare attività di 20 periti che proprio in queste ore stanno raccogliendo tutte le informazioni necessarie per elaborare l’aiuto concreto e rapido che la Compagnia sa esprimere in situazioni di questo tipo.
 
Ad oggi sono circa 800 i sinistri aperti da ITAS sul territorio nazionale legati ai recenti avvenimenti metereologici, la maggior parte dei quali localizzati in Trentino.
Si tratta di un dato in continua evoluzione, destinato a aumentare nelle prossime settimane quando si potrà effettuare una stima più precisa dei danni.
Per ora è quindi ancora prematuro avere una quantificazione precisa dei danni, ma la Compagnia sta già implementando specifiche azioni per permettere una liquidazione veloce, anticipando il più possibile le somme di indennizzo per dare fin da subito un aiuto concreto alle popolazioni colpite.
 
Il maltempo ha danneggiato naturalmente non solo aziende private e singoli soci assicurati, ma anche interi Comuni e aziende pubbliche operanti, ad esempio, nel settore turistico.
Per questi soggetti l’intervento tempestivo di ITAS assume un significato ulteriore, fondamentale per ricucire un tessuto economico locale che deve essere in grado di fronteggiare l’imminente stagione turistica invernale.
Oltre all’attività dei periti, vitale risulta quella della rete agenziale che si è messa a disposizione fin da subito per intercettare e comprendere le straordinarie esigenze degli assicurati colpiti in questi giorni, incarnando alla perfezione quel particolare ruolo mutualistico che contraddistingue gli agenti della Compagnia in termini di ascolto e vicinanza al socio assicurato.
 
«Siamo consapevoli di quanto sia decisivo un intervento tempestivo della Compagnia al verificarsi di eventi catastrofali che colpiscono la collettività, – spiega Raffaele Agrusti. – Per questa ragione abbiamo istituito fin da subito una task force per seguire tutte le attività necessarie finalizzate al rapido e puntuale risarcimento dei danni subiti da tutti i nostri i soci assicurati.
«Siamo convinti che il nostro intervento sarà fondamentale per consentire all’intera comunità di tornare alla normalità e alle imprese di riprendere la loro completa attività.»
«Abbiamo peraltro apprezzato il tempestivo e decisivo intervento della Protezione Civile Trentina che, grazie in particolare all’intervento dei Vigili del Fuoco, ha contenuto e soprattutto prevenuto ulteriori gravi danni.»
Conclude Agrusti: «A questo riguardo ITAS intende dare un contributo tangibile alle varie organizzazioni di Vigili del Fuoco volontarie che sono state particolarmente impegnate nei soccorsi.»
 
«Ancora una volta l’impegno della nostra Mutua sarà quello di risarcire in maniera adeguata e tempestiva i propri soci assicurati, – afferma Fabrizio Lorenz, presidente ITAS. – Non posso peraltro che apprezzare anche io il prezioso intervento dei Vigili del Fuoco volontari in particolare, che hanno consentito da un lato di contenere significativamente i danni e dall’altro di aiutare le popolazioni in difficoltà a causa di un evento naturale di portata catastrofale.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone