Home | Interno | Calamità | Maltempo, confermato in Alto Adige lo stato di pre-allarme

Maltempo, confermato in Alto Adige lo stato di pre-allarme

Per domani prevista una nuova perturbazione – Molte strade interrotte – 11.000 utenze senza corrente – La Ferrovia del Brennero è tornata in funzione

image

>
Nuovo vertice questa mattina della conferenza di valutazione del Centro funzionale provinciale dell'Agenzia per la protezione civile. Il direttore Rudolf Pollinger ha confermato lo stato di pre-allarme (Bravo - arancione), il terzo su una scala di quattro.

Alla luce della nuova perturbazione che raggiungerà questa notte l'Alto Adige (limite delle nevicate in crescita fra 1.200 e 1.700 metri), è considerato elevato il rischio di valanghe, caduta di alberi e massi, frane, smottamenti, allagamenti, black-out e disagi alla viabilità.

La situazione viene monitorata costantemente presso il Centro situazioni situato presso la sede del Corpo permanente dei vigili del fuoco di Bolzano.


 
 Disagi alla viabilità e per i treni 
Sono fra le 60 e le 70 le strade statali e provinciali interrotte, tra cui quella della Val Badia.
La linea ferroviaria del Brennero è tornata regolarmente percorribile in entrambe le direzioni, mentre la linea della Val Pusteria è bloccata tra Brunico e San Candido (il problema potrebbe protrarsi per diversi giorni) e quella della Val Venosta da Sluderno a Malles.
Situazione sotto controllo, invece, lungo l'autostrada del Brennero, dove la scelta di aprire una sola corsia di marcia da San Michele all'Adige verso nord ha dato risultati positivi.
Uomini e mezzi del Servizio strade sono impegnati in maniera capillare su tutto il territorio per rendere le strade nuovamente percorribili nel minor tempo possibile e in sicurezza.
 

 
 Sono 11.000 le utenze senza corrente 
La situazione più complicata riguarda la fornitura di energia elettrica. Nella notte Brunico è stata nuovamente ricollegata alla rete di distribuzione, ma sono ancora 11.000 le utenze senza corrente.
A Lasa, in Val Venosta, l'approvvigionamento di acqua è reso possibile solo grazie alle autobotti dei Vigili del fuoco a causa di un problema all'acquedotto, la stazione ricetrasmittente (ripetitore) del Corno del Renon è fuori uso a causa di un black-out al quale i tecnici stanno cercando di porre rimedio.
I vigili del fuoco volontari hanno insediato le proprie centrali operative di comprensorio in Bassa Pusteria, Alta Pusteria, Bolzano e Merano, e a Brunico due persone hanno trascorso la notte ospiti della caserma dei Vigili del fuoco.
Nelle località dove vi sono problemi con la connessione alla rete mobile e telefonica, i vigili del fuoco volontari mettono a disposizione dei cittadini le proprie infrastrutture.
 
 Domani nuova valutazione della protezione civile 
La Conferenza di valutazione composta dai rappresentanti del Servizio meteorologico provinciale, del Servizio valanghe, della Ripartizione foreste, dell’Ufficio idrografico, dei Bacini montani, della Centrale viabilità provinciale, dell’Ufficio geologia e dei Vigili del fuoco permanenti si riunirà nuovamente domani (17 novembre) a mezzogiorno per analizzare ed aggiornare la situazione della protezione civile provinciale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni