Home | Interno | Forze Armate | L'aviazione dell'Esercito a supporto della ricerca

L'aviazione dell'Esercito a supporto della ricerca

Il camoscio di 400 anni farà da modello per la ricerca sulle mummie dei ghiacci

image

La notizia del ritrovamento e degli sviluppi che avrà la ricerca sulla mummia di camoscio ritrovata in Valle Aurina l’avevamo data ieri.
Oggi documentiamo le operazioni con le quali si è potuto reduperare il reperto e portatlo nei laboratori.
 

 
Concomitante l’addestramento della squadra soccorso del 6° reggimento alpini che unitamente a un assetto AVES concludeva le proprie attività in Valle Aurina le Truppe Alpine aderendo ad una richiesta dell’EURAC (istituto di ricerca universitaria della Provincia di Bolzano) hanno garantito il recupero, messa in sicurezza e trasporto di una mummia di camoscio risalente a circa 400 anni fa.
Perizia dei piloti del 4° reggimento aviazione dell’Esercito Altair, competenza e professionalità del personale della squadra soccorso alpino militare si sono associate alle attività di ricerca sulle mummie dei ghiacci per realizzare un’impresa unica nel suo genere.
 

 
Il luogo del ritrovamento, a 3.200 metri di quota, impervio si raggiunge in sei ore di cammino e solo grazie all’impiego combinato di personale abituato ad operare in alta montagna i ricercatori hanno potuto portare nei laboratori di Eurac Research quello che a livello scientifico risulta essere un importante scoperta custodita dal ghiaccio e solo ora venuta alla luce.
Le operazioni di recupero sono durate circa 5 ore per poter estrarre l’importante reperto ed avvolgerlo in una custodia di materiale inerte costruita su misura per la specifica occasione.
 

 
Ora l’animale è in una cella frigorifera del Conservation Lab di Eurac Research al NOI Techpark di Bolzano, pronto per essere analizzato poiché per la sua età e lo stato di conservazione è un perfetto simulante di mummia umana.
Con i dati raccolti si potrà consentire ai ricercatori di migliorare le tecniche di conservazione delle mummie dei ghiacci di tutto il mondo e salvaguardare il loro DNA antico, una miniera di informazioni preziose per l’umanità.
 

 
Nel recente passato le Truppe Alpine hanno avviato una importante collaborazione con EURAC che ha messo a disposizione la camera climatica «Terra X Cube» per svolgere addestramento montano simulando operazioni in alta quota a vantaggio delle procedure d’impiego delle squadre soccorso alpino militare e dei nuclei del servizio Meteomont.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni