Home | Interno | Forze Armate | La piastrina di riconoscimento di un reduce «torna a baita»

La piastrina di riconoscimento di un reduce «torna a baita»

Riconsegnata alla figlia la piastrina di riconoscimento dell’alpino Giovanni Salvagno, reduce della campagna di Russia

image

>
È avvenuta nella serata di ieri la riconsegna della piastrina di riconoscimento dell’alpino Giovanni Salvagno - classe 1921 - nelle mani della figlia Natalina, con una sobria cerimonia cui hanno partecipato alcuni rappresentanti del Gruppo ANA di Settimo Torinese, ed una rappresentanza di militari del 5° Reggimento Alpini attualmente impiegati nell’Operazione Strade Sicure in Milano.
 

 
La piastrina, assieme ad altri cimeli, è stata rinvenuta in modo fortuito all’interno del complesso caserme Menini-De Caroli di Vipiteno (attualmente sede del 5° Reggimento Alpini) durante alcuni lavori di ristrutturazione nell’ambito del protocollo d’intesa siglato tra il Ministero della Difesa e la Provincia Autonoma di Bolzano: grazie a questi accordi, alcune aree di proprietà del demanio militare vengono cedute alla Provincia di Bolzano, in cambio di ristrutturazioni e modernizzazioni delle strutture militari già esistenti in Alto Adige, o la costruzione di nuove strutture a beneficio dei reparti militari insistenti sul territorio provinciale.
 

 
In questo contesto sono venuti alla luce diversi cimeli e manufatti ascrivibili al periodo della seconda guerra mondiale: la caserma di Vipiteno infatti, per la sua vicinanza al valico del Brennero, ha ospitato molti dei partenti per la campagna di Russia nell’estate del ’41, oltre che rappresentare la conclusione della spedizione per i reduci che, una volta rientrati in patria dal passo Brennero, venivano poi smistati alle varie caserme di appartenenza. Testimonianze di questo transito in Alto Adige si trovano in numerosi libri dedicati alla campagna di Russia.
 

 
Il C. Magg. Scelto Francesco VITTI, militare del 5° Reggimento Alpini, appassionato di storia militare e di ricerca cimeli, ha effettuato delle ricerche accurate con il proprio metal detector in diverse aree della caserma del reparto, rinvenendo due piastrine di riconoscimento, appartenute a due alpini reduci della campagna di Russia: Giovanni Salvagno, classe 1921 ed originario della provincia di Cuneo, e Raffaele Guideini (o Guittini…il cognome non è ben leggibile a causa del cattivo stato di conservazione della piastrina), classe 1916 ed originario della provincia di Novara.
 

 
Grazie ad una approfondita ricerca su internet e all’aiuto dell’Associazione Nazionale Alpini è stato possibile contattare la figlia dell’alpino Salvagno - purtroppo andato avanti qualche anno fa - e organizzare la riconsegna di questo manufatto appartenuto al padre: dopo oltre 70 anni, questa piastrina di riconoscimento torna nelle mani dei cari dell’alpino Salvagno, portando con sé un prezioso carico di storia e memorie… una storia in cui eroismo e forza di volontà si fondono con il dolore per chi non è tornato… una storia che racconta una delle pagine più intense della vita del corpo degli alpini.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni