Home | Interno | Forze Armate | Bonifiche residuati bellici in periodo Covid-19

Bonifiche residuati bellici in periodo Covid-19

Gli artificieri dell’Esercito Italiano hanno neutralizzato un proietto d’artiglieria da 75 mm

image

>
Gli artificieri dell’Esercito Italiano, appartenenti al 2° reggimento genio guastatori alpini, hanno neutralizzato un proietto d’artiglieria da 75 millimetri, risalente al Primo Conflitto Mondiale e rinvenuto presso il Passo Ballino nel Comune di Fiavè.
Continuare ad operare nonostante l’emergenza Covid-19 è un’esigenza ed un compito imprescindibile per gli uomini della Brigata Alpina «JULIA», al fine di salvaguardare la sicurezza della popolazione e del territorio nel suo complesso, una necessità che va oltre all’ineludibilità dell’azione e del movimento, ma in sostanza ci si prefigge di non aggravare ulteriormente una situazione sociale già messa alla prova dalle restrizioni e dalle ripercussioni, dirette ed indirette, che il temibile virus imprime su tutta la cittadinanza e sulle abitudini del vivere quotidiano.
 

 
Il coordinamento del Comando Truppe Alpine di Bolzano con il Commissariato del Governo di Trento, la disponibilità della Croce Rossa Italiana Corpo Volontario militare e delle Forze dell’Ordine, insieme agli specialisti del Genio militare di Trento, ha permesso di eseguire l’attività secondo i protocolli di sicurezza necessari, confermando la poliedricità di tutti i Corpi dello Stato e del comparto Protezione Civile ad adoperarsi in sincronia su diversi fronti nonostante l’Emergenza Covid-19.
 

 
Il continuare ad operare nella essenzialità, nutre maggiormente la speranza di riprendere presto tutte le attività nella normalità, per ognuno, con l’auspicio anche di poter riavviare le informative dirette a sensibilizzare il pubblico sulla pericolosità degli ordigni.
Momenti necessari per alimentare la cultura di prevenzione dei rischi, come quelli già iniziati insieme all’Università degli Studi di Trento e con l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, che la Sezione di Trento promuove verso scuole medie e superiori della Provincia.
Gli ordigni residuati, indipendentemente dalle loro dimensioni e forme apparenti, sono sempre un pericolo insidioso che può palesarsi sul terreno all’insaputa, dunque l’attenzione dei cittadini deve essere sempre massima per segnalarli prontamente alle Forze dell’Ordine.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni