Home | Interno | Metroland | Trentino: il futuro con la «Rete ferroviaria Diffusa» / 2

Trentino: il futuro con la «Rete ferroviaria Diffusa» / 2

<Cosa significa avere delle linee ferroviarie interamente <in galleria

image

Sul programma per una «Rete ferroviaria Diffusa» ci sono molte cose da dire, ma in testa a tutte sta la spiegazione di cosa intenda fare la Provincia. Come abbiamo accennato in un precedente articolo, le linee che verranno costruite saranno sviluppate per intero in galleria. Di conseguenza, le implicazioni sono queste.

Di positivo c'è che la Provincia non dovrà portare via territorio a nessuno, con ampio beneficio per tutti: niente espropri da fare, ma soprattutto niente espropri da pagare. L'unico guaio è che per fare le galleria si dovranno estrarre materiali per un totale di 40 milioni di metri cubi, corrispondenti più o meno alla massa del Doss Trento. Un problema, dato che a questi si aggiungeranno i detriti derivanti dallo scavo del traforo del Brennero. Ma i cavatori sono pronti a raccogliere - a pagamento ben s'intende - tutto questo materiale di scavo. Sarà necessario tuttavia distri-buire tutto nell'arco di qualche centinaio di chilometri oltre la nostra provincia.

Per contro, i percorsi non offriranno alcun panorama da vedere, ma questo è un aspetto in comune con le principali metropolitane del Mondo. Direi che - a parte Miami e Chicago, entrambe sorte su terreno con alte infiltrazioni di acqua - quasi tutte le altre corrono diversi metri sotto terra. Quelle di Londra e di Roma inoltre corrono molto in profondità, per cui se non si soffre di claustrofobia in quelle linee, direi che in Trentino si viaggerà da signori. A Parigi, la nuova metropolitana era stata progettata per correre senza manovratore, ma poi la preoccupazione della gente è stata tale per cui si è dovuto mettere in cabina il «macchinista morto», come lo chiamano in gergo, cioè un dipendente che non deve fare assolutamente niente. Vedremo cosa sarà deciso da noi.

Un innegabile vantaggio è quello derivante dal mancato inquinamento da rumore, tipico delle ferrovie e particolarmente delle metropolitane. A Milano, quando passa il metrò sotto i piedi, si sente tremare la strada. A Parigi e in altre metropoli all'avanguardia, i metrò corrono su gomma, ma in Trentino si potrà farne a meno.
Per restare nel campo dell'inquinamento, lo scavo fatto a tunnel (come quello usato per il traforo delle gallerie di Ponte Alto) consentirà di risolvere il problema di eventuali corsi d'acqua sotterranei al momento sconosciuti, perché potranno essere deviati o bypassati senza problemi.

Un aspetto, che può essere considerato positivo o negativo a seconda dei punti di vista, è dato dal fatto che le stazioni saranno solo quelle indicate nel progetto. Cioè, solo diretti niente stazioni intermedie. D'altronde, abbiamo già scritto che il successo dipende dalla velocità di questi mezzi, perché devono fare concorrenza reale alle strade asfaltate. Di conseguenza, le stazioni saranno solo a Trento, Rovereto, Mori, Arco, Tione, Mezzocorona, Taio, Malé, Pergine, Borgo, Val di Fassa, Val di Fiemme, Primiero. Comunque la si voglia vedere, questo modo consente davvero gli spostamenti da una parte all'altra della Provincia in tempi paragonabili a quelli necessari per attraversare Milano.
In più, con questi mezzi si potrà essere sicuri degli orari al minuto, proprio come le metropolitane

I binari saranno bidirezionali e avranno lo scartamento di tutte le principali ferrovie europee. I treni saranno velocissimi, anche se viaggeranno alla metà dei superveloci; si parla di 160 km/h. Per ora il progetto riguarda solamente il trasporto di passeggeri, ma sicuramente verranno estesi anche al trasporto di merci, perché in genere sono queste ultime che mantengono le ferrovie, e non devono necessariamente correre di giorno.
Ovviamente i treni saranno a propulsione elettrica e non solo perché viaggiano in galleria: è una fonte di energia di cui il Trentino dispone in grande quantità.
Un altro aspetto che col tempo dovrà essere preso in considerazione sarà il trasporto di autovetture con passeggeri a bordo. Porta via un po' di più tempo, ma l'abbinamento gomma più ferro offre un sacco di ulteriori opportunità.

Nei prossimi servizi parleremo al dettaglio delle linee vere e proprie, nonché dell'aspetto finanziario dell'operazione, e della sua fattibilità complessiva.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni