Home | Interno | Metroland | Riva, Metroland e il vecchio trenino della «MAR»

Riva, Metroland e il vecchio trenino della «MAR»

Il ritorno al futuro nei sogni dell'Amministrazione rivana



La locomotiva «Riva» dell'ex ferrovia austro-ungarica a scartamento ridotto MAR, che univa i centro di Mori, Arco e Riva, dagli anni '70 si trova nel grande zoo-parco di Omaha, una cittadina americana del Nebraska.

Alla locomotiva sono dedicate due pagine in rete, una all'interno del sito dello zoo di Omaha e l'altra in Wikipedia.
Di contro il progetto Metroland, sembra non contemplare il collegamento diretto con Riva del Garda, che invece il vecchio percorso austroungarico prevedeva.

«Tra la fine dell'800 e l'inizio del '900 la ferrovia a scartamento ridotto univa i centri di Riva e Arco con Mori, attraverso il solco di Loppio - spiega l'assessore Paolo Matteotti - Si trattava di un collegamento importante e diretto con la linea del Brennero, collegamento oggi mancante.
«Sicuramente il progetto Metroland, di cui è partito l'iter progettuale, - commenta Matteotti - potrebbe permetterci di recuperare, per l'Alto Garda, una mobilità diversa da quella offerta dalla rete stradale, se il suo percorso sarà veramente completo, conducendo fino alla città. Proprio per questo segnalo che l'Amministrazione recentemente ha sottolineato questa necessità con un documento inviato all'assessore provinciale Alberto Pacher».

Per quanto è dato sapere, infatti, il progetto Metroland non sembra contemplare il collegamento diretto con la città di Riva del Garda. Nella lettera, firmata dal sindaco Claudio Molinari, l'Amministrazione chiede, in particolare, informazioni precise sulla realizzazione di Metroland.
«Un progetto di tale vasta portata per il sistema trentino, l'Alto Garda e soprattutto per la città di Riva del Garda - si legge nella lettera - che certamente vale la pena di approfondire da subito le parti che non risultano ben definite. La cosa che risalta con maggiore evidenza è il fatto che la linea azzurra che collega Tione con Trento non è caratterizzata da un collegamento diretto con la città di Riva del Garda. Lasciando da parte le considerazioni sul percorso della storica ferrovia MAR, che a suo tempo terminava proprio nel nostro Comune, risulta evidente che la mancanza di un'indicazione sul collegamento diretto con la città di Riva del Garda crea preoccupazione».

A «scoprire» che la locomotiva «Riva» di fine '800, era finita tra gli intrattenimenti dello zoo parco di Omaha è stato proprio l'assessore alle opere pubbliche e all'ambiente Paolo Matteotti il quale, durante i lavori di ristrutturazione dello storico edificio, che ospitava la stazione ferroviaria MAR, ha effettuato alcune ricerche storiche.

Fino al 2006, anno in cui la segnalazione è stata inoltrata ai nuovi proprietari, la locomotiva era senza nome e senza storia.
Ora la conferma ufficiale viene sia dal noto sito web Wikipedia, la grande enciclopedia online, sia dal sito dello zoo, uno dei grandi parchi tematici americani.
Che quella locomotiva, da anni una delle attrazioni dello zoo-parco di Ohama, sia la gloriosa «Riva», è dunque definitivamente assodato.

Un tempo quella linea ferroviaria collegava Mori con Arco e Riva. Alla fine dell'Ottocento, nei tre centri erano state costruite le relative stazioni ferroviarie, delle quali quella rivana, restaurata pochi anni fa, è oggi sede di Ingarda spa.
Per ricordare la sua funzione originaria è stato posato un tratto di binario della ferrovia austrongarica.
Da parte sua l'Amministrazione comunale s'è attivata per contattare lo zoo di Omaha, per avere la certezza che la locomotrice si trovasse effettivamente presso la struttura.

Oggi la conferma: «Riva» si trova in America, nel Nebraska.
Del resto la storia di questa locomotiva è davvero interessante: fu costruita da Krauss in Austria nel 1890, una delle tre locomotive della MAR.
Fu in servizio sulla linea Mori, Arco, Riva fino al 1915, quando, in seguito ai danneggiamenti subiti, il servizi fu sospeso.

«Riva» fu poi trasferita sulle ferrovie militari austriache, e dal 1918 nella città di Stryj in Polonia (ora Ucraina), dove rimase fino al 1939. Se ne persero poi le tracce fino al 1945, quando ricomparve al servizio della ferrovia federale rumena sulla linea di Alba Julia-Zlatna con il numero 395-104, e dove rimase attiva fino al 1968. Dal 1968 al 1973 il locomotore è stato possedute da Plasser & da Theurer di Vienna, in Austria, infine nel 1974, in seguito a contatti reciproci fra Austria e Stati Uniti, la locomotiva è stata donata al giardino zoologico di Doorly, da Joseph Theurer, presidente della ditta, Plasser & Theurer, per uso sulla ferrovia del giardino zoologico della città di Omaha.
In America è stato ricostruito l'ingranaggio corrente e riconvertito da carbone in olio, inoltre sono stati aggiunti i freni ad aria compressa.
Dal 1976 funziona come trasporto passeggeri e visitatori all'interno del giardino zoologico di Omaha, nello Stato del Nebraska (USA).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni