Home | Interno | Religioni | 8 febbraio, Giornata mondiale di preghiera contro la tratta

8 febbraio, Giornata mondiale di preghiera contro la tratta

Il vescovo Tisi a Verona con altri quattro vescovi per dire «no» al mercato del sesso a pagamento – L’iniziativa è promossa dalla Comunità Papa Giovanni XXIII

Ci sarà anche monsignor Lauro Tisi tra i cinque vescovi che guideranno domani, venerdì 8 febbraio, a Verona, una manifestazione pubblica nella Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di esseri umani.
L’arcivescovo di Trento sarà accanto al patriarca di Venezia, mons. Francesco Moraglia, e ai vescovi Giuseppe Zenti (Verona), Beniamino Pizziol (Vicenza), Pierantonio Pavanello (Adria-Rovigo) in una serata organizzata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e che prenderà le mosse alle ore 20.30 dal Tempio Votivo di piazzale XXV Aprile.
L’obiettivo è pregare e lanciare un appello alle coscienze dei milioni di clienti italiani che ogni notte abusano di ragazzine inermi costrette alla prostituzione.
 
«Per la prima volta, pochi giorni fa – afferma Paolo Ramonda, presidente della Comunità Giovanni XXIII, – il Vaticano ha preso una posizione netta sui clienti delle prostitute. In essa si dichiara che gli Stati dovrebbero criminalizzare chi approfitta della prostituzione o di altre forme di sfruttamento sessuale.
«Una presa di posizione che segue quanto aveva già dichiarato un anno fa lo stesso papa Francesco, quando aveva definito i clienti criminali che torturano le donne».
 
La Comunità Papa Giovanni XXIII ha liberato in Italia dalla strada e accolto oltre settemila ragazze vittime del racket della prostituzione.
Ogni settimana è presente con una trentina di unità di strada e oltre cento volontari per incontrare le persone che si prostituiscono.
La Giornata di preghiera contro la tratta venne istituita nel 2015 da varie realtà del mondo cattolico, con capofila Talitha Kum, la rete internazionale della vita consacrata contro la tratta.
Si è scelto l’8 febbraio in quanto memoria liturgica di santa Giuseppina Bakhita, religiosa sudanese della Congregazione delle Figlie della Carità, canonizzata nel 2000 da Giovanni Paolo II.
Bakhita, nata nel 1869, conobbe nella sua vita le atroci sofferenze della schiavitù. Riacquistata la libertà, si convertì al cattolicesimo e quindi abbracciò la vita religiosa.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Francostars 07/02/2019
A prescindere dai riti voodoo, in ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali e ad una certa tarda ora di notte, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone