Home | Interno | Salute | L’incontinenza nelle persone anziane

L’incontinenza nelle persone anziane

Cosa è bene sapere cosa si deve fare e cosa si deve evitare

Non è raro che una persona, diventando anziana, inizi a perdere il controllo dell’intestino o della vescica.
Per un caregiver, questa è una situazione che può essere fonte di imbarazzo, ma è molto importante evitare di farsi prendere dal panico: d’altro canto l’incontinenza non è certo una condizione rara, e in più esistono un sacco di soluzioni a cui si può ricorrere per riuscire a gestirla in maniera adeguata.
I cambiamenti fisici in una persona che invecchia sono inevitabili, e possono riguardare anche la funzionalità dell’apparato urinario, che tende a ridursi a mano a mano che gli anni passano.

La vescica 

La vescica non è altro che una sacca di tessuto muscolare: i suoi muscoli, quando si invecchia, tendono a diventare meno funzionali e meno tonici, e questo si traduce in una minore capacità di contrazione e di espulsione. In altre parole, può succedere che la vescica ci metta più tempo a emettere l’urina o addirittura che non si svuoti del tutto.
Per di più, il ridursi dell’elasticità fa sì che la vescica non riesca a contenere l’urina nella stessa quantità di prima: si attiva in ritardo il riflesso di svuotamento, quando può essere troppo tardi perché la vescica è quasi del tutto piena. Quindi, il soggetto ha meno tempo per raggiungere il bagno.

I sintomi

L’indebolimento dei muscoli può provocare nelle donne l’ostruzione dell’uretra, ma anche la fuoriuscita – il cosiddetto prolasso – della vagina o della vescica dalla propria sede. È un aumento delle dimensioni della ghiandola prostatica, invece, a causare l’ostruzione dell’uretra negli uomini.
I sintomi sono diversi: l’interruzione o la debolezza del flusso urinario, ma anche la difficoltà a cominciare la minzione. Può succedere, inoltre, che dopo la minzione si percepisca una sensazione di svuotamento non completo. Ancora, lo stimolo a urinare può diventare molto più frequente, anche nelle ore notturne.
Se la vescica non viene svuotata del tutto, questa si può riempire di urina residua: ciò non solo è un fattore di rischio dal punto di vista delle infezioni delle vie urinarie, ma è anche alla base della cosiddetta incontinenza urinaria da rigurgito.

Le cause dell’incontinenza

A mano a mano che gli anni passano, viene meno l’efficienza con la quale si coordinano i nervi, i muscoli e gli organi. Sono il pavimento pelvico e i muscoli sfinterici a garantire la continenza: si tratta di muscoli preziosi proprio per il loro ruolo nel favorire sia la continenza urinaria che quella fecale.
Quando si invecchia, è inevitabile che tali muscoli diventino più deboli, e ciò che ne deriva è, appunto, l’incontinenza. Questa, però, può essere provocata anche da errori nella trasmissione di segnali da parte dei nervi che uniscono la vescica con il cervello.
Sempre l’avanzare dell’età può compromettere il funzionamento della vescica e dei reni, soprattutto in presenza di malattie che richiedono l’assunzione di medicinali.

Il ruolo dei reni

La funzionalità dei reni, pertanto, rischia di peggiorare con il trascorrere degli anni.
Ciò dipende, tra l’altro, dalla diminuzione del flusso di sangue che è diretto ai reni, ma un’altra ragione va individuata nel calo della produzione dell’ADH, che è l’ormone antidiuretico: il suo compito è quello di regolare la concentrazione di urina, il che è possibile recuperando l’acqua dentro al corpo.
Nel momento in cui cala il livello di tale ormone, si ha a che fare con un aumento della produzione di urina, in modo particolare nelle ore notturne: questa è la ragione per la quale per un soggetto anziano è normale alzarsi la notte per andare in bagno.

Che cosa può fare un caregiver

Un caregiver per svolgere il proprio compito nel migliore dei modi deve essere consapevole di tutto ciò che il processo di invecchiamento comporta, tenendo presente soprattutto il modo con il quale esso condiziona le capacità cognitive e motorie.
L’invecchiamento incide sulla mobilità e sulla mente, e può avere ripercussioni anche dal punto di vista della sicurezza domestica.

I pannoloni per l’incontinenza di AMioAgio

Prendersi cura di un soggetto incontinente vuol dire anche scegliere i prodotti più adatti alle sue necessità. La linea di articoli MoliCare Premium & Skin proposta da AMioAgio, per esempio, sostiene la routine quotidiana di coloro che devono prestare assistenza a un anziano, grazie a pannoloni pull up e a mutandine che, con il loro sistema di barriere innovativo, impediscono qualunque tipo di fuoriuscita.
I pannoloni di AMioAgio per prendersi cura degli anziani sono delicati sulla pelle e permettono ai caregiver di faticare meno e di risparmiare un sacco di tempo: infatti, sono semplici da applicare e da indossare, oltre a essere realizzati con materiali traspiranti e testati.
Il corpo assorbente a tre strati assicura un assorbimento rapido e, quindi, un asciutto perfetto.
Tollerabilità della pelle e vestibilità sono altri due punti di forza di questi prodotti, che vantano anche uno speciale neutralizzatore grazie a cui gli odori possono essere bloccati in modo istantaneo.
I prodotti per la detersione MoliCareSkin, invece, detergono la pelle delicata delle persone anziane anche senza utilizzo di acqua, più facilmente e senza il rischio di arrossamenti e irritazioni.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni