Home | Interno | Salute | Unghie: meglio affidarsi all'estetista o il fai da te

Unghie: meglio affidarsi all'estetista o il fai da te

Vediamo quali sono i pro e i contro del fai da te e dell'estetista professionale

Gli italiani sono un popolo noto in tutto il mondo per gesticolare e usare le mani per esprimere stati d'animo e opinioni. Le mani sono quindi una parte del corpo molto in vista e su cui ci si sofferma spesso.
Se a questo si aggiunge la sempre maggiore attenzione che uomini e donne ripongono verso l'estetica è chiaro che avere delle mani e delle unghie curate è fondamentale.

Una manicure elegante, sana e raffinata, al di là che sia una manicure con il gel, con il french manicure o giapponese, permette di sentirsi a proprio agio con se stessi e in mezzo agli altri. É infatti un ottimo biglietto da visita.
Una questione sempre molto dibattuta riguarda la scelta se sia meglio affidarsi all'estetista o al fai da te quando si tratta di curare le proprie unghie.
Vediamo quindi quali sono i pro e i contro del fai da te e dell'estetista professionale.
 
 Strumenti necessari per fare la manicure  
Per ottenere una buona manicure, sia dall'estetista sia se ci si affida al fai da te, servono alcuni attrezzi del mestiere.
Se si è alle prime armi o si vogliono acquistare gli strumenti necessari come forbicine, spingi cuticole e la fresa professionale con aspiratore è meglio affidarsi portali dedicati alla fornitura per l'estetica che offrono prodotti e strumenti di qualità dedicati ai professionisti come l'estetista.
 
Di seguito, un breve riepilogo degli strumenti per fare la manicure:
●    Solvente per smalto per ripulire le unghie non solo da eventuali residui di smalto, ma anche da segni di altro tipo.
●    Sali da bagno o un bagnoschiuma idratante, ideale per ammorbidire le mani.
●    Limetta, le forbicine (o il tagliaunghie) e lo spingi cuticole.
●    Crema idratante per le mani, da scegliere in base alla propria pelle.
●    Olio essenziale vegetale per rendere più morbide le unghie e agevolare il taglio.
●    Base smalto, da usare soprattutto se, in seguito, si vuole applicare uno smalto colorato.
●    Smalto e il top coat.
Quest'ultimo da stendere alla fine per prolungare la resistenza della manicure che, di solito, ha una durata di circa una settimana.
 
 Vantaggi del fai da te  
Fare una manicure a casa non è un'impresa titanica e complessa. Per riuscire a curare nel modo adeguato le proprie unghie è sufficiente conoscere alcuni trucchi del mestiere e usare strumenti e prodotti adeguati.

Quali sono i principali vantaggi del farsi la manicure a casa?
●    Permette di prevenire le micosi e le infezioni fungine. La manicure fai da te è valida tanto quanto quella svolta da una professionista.
●    Avere sempre delle unghie pulite e in ordine permette di sentirsi a proprio agio con gli altri.
●    Consente un risparmio in termini economici poiché è sufficiente acquistare gli strumenti del mestiere una volta sola.
●    Svolgendo la manicure in autonomia non bisogna pagare un professionista per il servizio svolto.
La manicure in casa può essere svolta in qualsiasi momento, seconda dei propri impegni, senza dover rimanere per uno o più giorni con le unghie in disordine, in attesa dell'appuntamento fissato dall'estetista.
 
 Svantaggi del fai da te  
●    Improvvisare la manicure, senza essersi informati circa gli step minimi da eseguire, potrebbe comportare dei risultati scadenti.
●    Utilizzare prodotti di scarsa qualità che, oltre a durare poco, potrebbero danneggiare le unghie.
●    L'inesperienza nel settore non permette di acquistare i prodotti giusti e che assicurino una maggiore resistenza e durata nel tempo.
●    Non acquisire la giusta manualità. Anche se la pratica può aiutare molto, non tutti hanno la manualità, la pazienza e l'esperienza per realizzare una manicure pulita e curata.
●    I risultati del fai da te non siano al pari di quelli ottenuti se la manicure viene svolta da un professionista.
●    Non essere in grado di curare e risolvere alcune problematiche, come le unghie ingiallite, incarnite e infiammate.
 
A causa di un taglio dell’unghia troppo corta, questa si può facilmente irritare ed è necessario pulire con l’euclorina la zona e limate l’unghia con cura. Se non si conoscono questi trucchi si rischia di rovinare l'unghia infetta.
 
 Quanto costa tagliare le unghie dall'estetista?  
Le tariffe di un'estetista dipendono da diversi fattori, quali:
●    Tipo di trattamento.
●    Servizi richiesti.
●    Tipologia di salone.

In ogni caso, la maggiore differenza sul prezzo la fa la tipologia di manicure, che si distingue in manicure estetica o curativa. La prima si svolge sulle unghie sane e senza particolari problematiche.
L'estetista può limare le unghie per dargli una forma particolare e applicare uno smalto classico o semipermanente oppure si limita ad accorciare le unghie, rimuovendo le cuticole secche.

La manicure curativa invece è un trattamento necessario se si hanno dei piccoli problemi alle unghie. In questo caso la professionista deve ridare la bellezza naturale alle mani, effettuando anche dei massaggi e prodotti idratanti e specifici, eliminando callosità e cuticole secche.
In linea generale, una manicure estetica di base, ossia che prevede solo il taglio e la lima delle unghie, costa circa 20 euro, mentre per i trattamenti speciali (semipermanente, gel e altro) si arriva anche a 50 euro. Una manicure curativa può superare anche i 50 euro, a seconda della gravità dello stato delle unghie e dei trattamenti necessari.
 
 Quanto dura la manicure fatta dall'estetista?  
L'idea che la manicure fatta dell'estetista abbia una durata maggiore rispetto a quella fatta in autonomia è piuttosto diffusa, ma non è sempre così.
La ricrescita delle unghie infatti non dipende dalla bravura della professionista o di chi ha svolto la manicure, ma varia da persona a persona.
Inoltre, il buono stato delle unghie dipende anche dal tipo di lavoro che si svolge e dalla cura che si ha verso le proprie mani.

Ad alcuni le unghie cominciano a crescere in modo consistente già dopo quattro o cinque giorni, mentre ad altri non prima di una settimana.
Se si applica uno smalto semipermanente, rivolgendosi a una professionista, si ha una garanzia in più circa la durata delle unghie, che in media non si rovinano fino a quattro settimane.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande