Home | Interno | Salute | Solenne cerimonia pubblica stamani al Teatro Sociale di Trento

Solenne cerimonia pubblica stamani al Teatro Sociale di Trento

Premio Pezcoller alla ricerca oncologica, la consegna al prof. Alberto Mantovani

image

>

Con una cerimonia pubblica al teatro sociale di Trento, i vertici della Fondazione Pezcoller e dell’Associazione americana di ricerca su cancro hanno consegnato il premio di 75mila euro al prof. Alberto Mantovani, vincitore dell’edizione 2019 giunto alla 22° edizione.
Il prof. Mantovani è il più importante ricercatore italiano nell’ambito delle scienze biomediche.
«La ricerca in Italia è a livelli eccellenti. Vorrei vivere in un Paese in cui ci si preoccupi di avere un tumore, e non del costo della terapia.»
Il presidente della Fondazione Pezcoller Enzo Galligioni: «È emerso il valore della ricerca italiana, la comunità trentina ha accolto con entusiasmo il vincitore del Premio.»



Un applauso corale ha accolto oggi al teatro Sociale di Trento il prof. Alberto Mantovani, vincitore del Premio Pezcoller-Aacr 2019.
Alberto Mantovani, milanese, quattro figli e otto nipoti, appassionato di calcio, arte e montagna, è un medico oncologo che ha potuto lavorare e sviluppare le sue ricerche in Italia, prima all’istituto Mario Negri, ora all’Humanitas, di cui è direttore scientifico, oltre che docente all’omonima università e alla Queen Mary di Londra.
Enzo Galligioni, presidente della Fondazione Pezcoller, l’ha definito «un personaggio rinascimentale, amante del sapere e del bello, senza timore di andare controcorrente quando serve.
«Ha scoperto per primo che l’infiammazione non è utile contro i tumori, ma rappresenta invece una situazione favorevole alla crescita delle cellule tumorali. «Le sue conoscenze hanno aperto la strada a nuove strategie nella lotta contro il cancro, che si integrano con gli altri progressi dell’immunoterapia, e che stanno già producendo risultati clinici importanti.
«Mantovani è il più autorevole ricercatore italiano nelle scienze biomediche e tra i primi dieci immunologi al mondo.»
 

 
«È un grande scienziato italiano del nostro tempo – ha affermato Galligioni – molto rigoroso sul piano scientifico, che crede nel lavoro di squadra, nell’importanza dell’etica, della corretta comunicazione della scienza e del rispetto delle regole, ma anche nell’obbligo di riaffermare e difendere le conquiste della scienza, in particolare quelle che hanno fatto il bene all’umanità.»
Il prof. Mantovani si è detto onorato di ricevere il Premio Pezcoller, considerato dalla comunità scientifica uno dei riconoscimenti più prestigiosi in campo oncologico a livello internazionale, tanto che quattro scienziati premiati negli anni passati hanno poi ricevuto anche il Nobel per la medicina.
 
A consegnare il Premio stamani, e un assegno da 75mila euro, il presidente della Fondazione omonima Enzo Galligioni insieme ai rappresentanti della Aacr, la past president Elizabeth Jaffee e la ceo Margaret Foti.
Hanno portato il saluto delle istituzioni il rettore dell’Università di Trento Paolo Collini, l’arcivescovo mons. Lauro Tisi, l’assessore provinciale alla sanità Stefania Segnana, la vicesindaco di Trento Maria Chiara Franzoia, il presidente della Fondazione Caritro Mauro Bondi, il presidente dell’Ordine dei medici Marco Ioppi.
Ha concluso la cerimonia un breve concerto del corso della Sosat, molto apprezzato dal pubblico e dal vincitore.
 

 
 La generosità alimenta nuove iniziative 
La Fondazione Pezcoller può portare avanti le proprie iniziative contando anche sulla generosità di chi affida i propri risparmi o lasciti all’ente. Galligioni ha comunicato due importanti iniziative di cui la Fondazione ha beneficiato recentemente.
Da un lato la signora Marina Larcher Fogazzaro di Trento, scomparsa all’età di cento anni nell’ottobre scorso, ha lasciato in eredità alla Fondazione una parte di Palazzo Bortolazzi in centro storico a Trento.
L’impegno della Fondazione è di ridare alla collettività l’immobile rimesso a nuovo.
 
Il lascito servirà per finanziare future borse di studio dedicate a giovani ricercatori.
La seconda è una iniziativa partita dai familiari di Patrizia Coser, giovane ventenne morta recentemente a causa di un angiosarcoma, i quali hanno creato una associazione per ricordarne la memoria e incentivare la ricerca su questo rarissimo tumore.
L’associazione ha raccolto tramite varie iniziative 25mila euro e ha coinvolto la Fondazione Pezcoller per creare una borsa di studio riservata ad un giovane ricercatore a livello nazionale.
La borsa di studio verrà presentata il prossimo novembre a Napoli al congresso nazionale della società italiana di cancerologia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone