Home | Interno | Solidarietà | Lo sport oltre ogni barriera: lo sci per i disabili in Trentino

Lo sport oltre ogni barriera: lo sci per i disabili in Trentino

Un esempio da adottare per garantire alle persone con disabilità una vita normale

Chi è in possesso di disabilità motorie permanenti ed è costretto ad utilizzare sedie a rotelle o carrozzine, vive costantemente con il disagio di sentirsi inferiore e incapace di condurre una vita normale.
Un'ulteriore difficoltà deriva sicuramente dalla presenza quotidiana di alcuni ostacoli fisici che complicano la già ridotta mobilità.
Parliamo in questo caso delle barriere architettoniche, ostacoli materiali che impediscono totalmente la fruibilità di spazi e servizi ad una persona con capacità di movimento assenti o limitate.

Le barriere architettoniche possono essere presenti sia in ambienti domestici sia in ambienti pubblici e privati.
Esempi pratici di questi ostacoli possono essere ad esempio marciapiedi alti non dotati di scivolo, una rampa di scale, un dislivello o anche un corridoio stretto.
Tante associazioni ed enti pubblici e/o privati combattono costantemente per i diritti di queste persone e per l'abbattimento quindi delle barriere architettoniche.

Un esempio lampante di questa lotta deriva da un'iniziativa che la regione Trentino Alto Adige ha avviato da tempo e che consiste nella totale accessibilità ai disabili negli impianti sciistici.
 
 Il Trentino Alto Adige in prima linea per i diritti dei disabili  
Il Trentino Alto Adige è una di quelle regioni che ha sempre combattuto in prima linea per concedere ai disabili la possibilità di godere totalmente dei propri diritti.
Infatti questa regione è caratterizzata una tradizione sportiva e soprattutto solidale attraverso il lavoro costante di associazioni di volontariato.
Queste associazioni si danno da fare per concedere l'opportunità a tutti di beneficiare dello splendido patrimonio naturalistico che contraddistingue il Trentino Alto Adige.
In modo da favorire l'integrazione, senza scopi di lucro ma solo ed esclusivamente per aiutare e sostenere i disabili.

Tantissime strutture ed impianti vengono progettati per favorire l'accesso a tutti, specialmente alle persone con disabilità e ai loro rispettivi accompagnatori.
Tra queste strutture, le aree da sci ormai consentono ai disabili con problematiche motorie di praticare questo sport mediante servizi specifici, attrezzatture speciali ed istruttori qualificati.
I maestri di sci accompagnano queste persone alla scoperta di sport che inizialmente potevano sembrare impraticabili e che invece orami sono una bella consuetudine.
I disabili potranno infatti godere dell'ebrezza di sport su neve come sci alpino, sci nordico, snowboard e tanto altro.
Attraverso l'utilizzo specifiche attrezzatture da noleggiare nell'impianto sciistico come ad esempio monosci, dual-sci e bass board.

Ad esempio in Val di Fiemme si organizzano corsi di sci da discesa e di fondo, rendendo anche accessibili gli impianti di risalita.
In Val di Fassa invece si organizzano escursioni guidate e specifici corsi di sci da discesa, di fondo e anche di snowboard.
L'Alpe Cimbra è famosa per i suoi numerosi rifugi senza barriere architettoniche che la rendono quindi particolarmente adatta all'accoglienza di persone disabili.
Inoltre qui è possibile confrontarsi con maestri qualificati e noleggiare specifiche attrezzature sportive per seguire dei corsi.
Infine nell'Altopiano della Paganella è possibile usufruire di corsi di sci per bambini, ragazzi e adulti con disabilità.
 
 Un esempio da seguire  
Quello del Trentino Alto Adige è sicuramente un esempio che tante autorità locali e nazioni devono necessariamente seguire per garantire alle persone con disabilità una vita normale.
Nel quotidiano e soprattutto nell'ambiente domestico, attraverso la realizzazione di sistemi specifici, è possibile però combattere definitivamente il fenomeno delle barriere architettoniche. Ad esempio per il superamento di una rampa di scale viene installato un sistema elettromeccanico denominato montascale.
Il montascale per disabili o servoscala è un impianto per il sollevamento ed il trasporto di persone con limitate o assenti capacità motorie.
Attraverso questo sistema, sarà finalmente possibile salire e scendere una rampa di scale in totale autonomia.
 
 Conclusioni  
Come abbiamo evidenziato nel paragrafo precedente, il Trentino Alto Adige deve essere d'esempio per l'attenzione e la premura nei confronti delle persone affette da disabilità motoria e dei loro diritti.
Un esempio che deve essere considerato specialmente nel quotidiano attraverso l'installazione di specifici sistemi per l'abbattimento di barriere architettoniche, come ad esempio il montascale.
Un impianto che nella vita di tutti i giorni può rivelarsi particolarmente importante per garantire nuovamente una certa autonomia e indipendenza.
Allontanando definitivamente lo spettro di qualsiasi disagio di tipo psicologico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni