Home | Interno | Solidarietà | «Vivere in hospice»: tavola rotonda sulla fragilità

«Vivere in hospice»: tavola rotonda sulla fragilità

L’incontro si svolgerà all’Urban center di Rovereto venerdì 18 gennaio alle 20.30

Venerdì 18 gennaio alle 20.30, l’associazione «Vivere in hospice» organizza una tavola rotonda sul tema «Fragili, cioè esseri umani, abitare lo spazio della fragilità e del morire. La proposta delle cure palliative».
L’incontro si svolgerà all’Urban center di Rovereto ed è organizzato in collaborazione con l’Apsp Cesare Benedetti di Mori e il Comune di Rovereto.
 
Come spiegano i volontari dell’associazione, «C’è poco posto per chi piange o per chi soffre nella nostra società, ancora di più se la lacrima narra la storia di una malattia o di un lutto.
«Confrontarsi con la sofferenza propria o quella dell'altro è spesso fonte di paura, al punto tale che chi la percepisce arriva anche a mettere in discussione la propria adeguatezza verso la vita stessa.
«Scoprirsi bisognosi dell'altro, vivere momenti di dolore, sentire la paura, riporta la persona a guardare alla propria fragilità, vista come limite da infrangere o come fatto esistenziale da cui possono nascere nuove possibilità di rileggere la vita.
«Le cure palliative nascono per prendersi cura di persone che vivono l'esperienza della malattia e del fine vita.
«Parlare della fragilità, della morte e del morire è creare uno spazio e un tempo prezioso per pensare al nostro vivere e a quello di tutte quelle persone ammalate che nel loro quotidiano ci possono insegnare i diversi significati della speranza».
 
L’avvocato Matteo Grazioli, membro del direttivo dell’Associazione, introdurrà e modererà il dibattito che vede coinvolti numerosi relatori.
«Il dottor Massimo Bernardo (dirigente medico struttura semplice cure palliative - dipartimento di geriatria ospedale di Bolzano); il dottor Francesco Valduga (sindaco di Rovereto e medico oncologo); il dottor Marco Alberto Donadoni (formatore presso la Federazione cure palliative); il dottor Gino Gobber (direttore dell’unità operativa multifunzionale del sevizio cure palliative dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento); il dottor Lorenzo Gios (psicologo - psicoterapeuta della Lilt, sezione provinciale di Trento.
Ci sarà spazio anche per l’esperienza di un familiare di un ospite dell’Hospice di Mori.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni