Home | Interno | Solidarietà | Amatrice, inaugurata la nuova scuola «Romolo Capranica»

Amatrice, inaugurata la nuova scuola «Romolo Capranica»

Fugatti scrive una lettera per ricordare che il Trentino ha sempre fatto parte dell'Italia solidale: una sensibilità tramandata dalle giunte precedenti

image

>
Ad Amatrice, ieri, all’inaugurazione della nuova scuola «Romolo Capranica», c’era anche una delegazione della Provincia autonoma di Trento. La cerimonia ha visto la partecipazione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti.
Nella lettera di saluto inviata per questa occasione il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha sottolineato quanto il Trentino sia fiero di far parte dell’Italia solidale, che coopera, che è capace di «fare assieme».
Dopo tre anni dal terremoto, nella comunità di Amatrice è ancora molto forte il sentimento di gratitudine – manifestato anche ieri alla Protezione civile trentina - per l’intervento effettuato dal personale della Provincia autonoma di Trento e dai numerosi volontari che hanno lavorato alla ricostruzione.
I rapporti di collaborazione e amicizia tra il Trentino e Amatrice hanno preso il via con il tragico terremoto dell’agosto 2016.
Anche in quell’occasione il Trentino si è mobilitato, come il resto del Paese, per portare aiuto alla popolazione.
 

 
Tra le urgenti necessità della comunità locale si è scelto di intervenire – con un’operazione dal grande significato pratico ma anche simbolico – dalla scuola, per consentire agli studenti di Amatrice di continuare il proprio percorso.
Grazie all’impegno delle donne e degli uomini della Protezione civile trentina, in pochi giorni, poco più di due settimane, dalle macerie è nata una nuova scuola, una struttura con spazi per asilo, elementari, medie e liceo scientifico; nata per essere temporanea ma anche efficiente e sicura, con aule, segreteria, biblioteca.
 

 
Era la «Romolo Capranica» trentina, costruita a tempo di record per permettere l’inizio dell’anno scolastico e contribuire a far ripartire la comunità locale.
Oggi le funzioni di quella struttura sono trasferite; c’è - utilizzato già dall’ottobre del 2018 ed inaugurato ufficialmente ieri - un nuovo campus, moderno, efficiente, accogliente.
Ma ad Amatrice è rimasto anche un pezzo del Trentino, visto che l’originaria struttura è stata mantenuta a servizio della comunità, con funzioni scolastiche - in particolare per l’istituto alberghiero - ma anche sociali, come sede di alcune associazioni. E quanto sia forte il legame della comunità, scolastica ma non solo, con quella struttura lo ha ricordato ieri anche il dirigente scolastico Giovanni Luca Barbonetti, che ha ringraziato ancora il Trentino per quanto ha fatto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni