Home | Interno | Solidarietà | La resa: quando la famiglia non vuole più il figlio...

La resa: quando la famiglia non vuole più il figlio...

Un giorno il telefono squilla, all'altro capo un'assistente sociale: «Dobbiamo trovare una sistemazione per un bambino di 11 anni con diagnosi di autismo»

Succede che un giorno, quello che era iniziato come un normalissimo giorno, qualcosa irrompa come un fulmine a ciel sereno, un lampo che manda in corto circuito le nostre credenze comuni. Senza preavviso, senza cautele.
Un giorno come un altro, il telefono squilla, all'altro capo un'assistente sociale di un'altra regione chiede informazioni: «Dobbiamo trovare una sistemazione per un bambino di 11 anni con diagnosi di autismo.»
È la norma per il nostro centro. Centinaia di telefonate, da quando abbiamo inaugurato Casa «Sebastiano» appena due anni fa, da tutta Italia e da italiani all'estero, operatori e famiglie, alla ricerca di informazioni, risposte, servizi, di un'opportunità, di un futuro migliore.
Ed eccolo, l'inaspettato, uno schiaffo che toglie il fiato: «La famiglia non lo vuole più».
Non credo di aver capito.

«LA FAMIGLIA NON LO VUOLE PIU'».
Silenzio. Come un'eco la frase si moltiplica nell'aria intorno.
«La famiglia non vuole più tenerlo, - riprende la voce. - È affidato al Tribunale dei minori».
Le parole rotolano fuori dal telefono, come massi, travolgenti, indomabili.
In un battito di cuore l'irriducibile speranza che porta in avanti l'umanità da milioni di anni vacilla. Quel rassicurante sentire profondo, che permea il nostro quotidiano di ripetitiva tranquillità, si crepa.
Viene fuori il pensare emotivo, che sgorga dalla pancia: o sono disgraziati o sono disperati. In ogni caso abbiamo fallito.
Le Istituzioni hanno fallito, la società ha fallito.

Sono mancati il supporto delle Istituzioni, i servizi e l'aiuto necessari a che un bambino e i suoi genitori possano affrontare insieme la drammaticità di una disabilità dura, a volte durissima.
È venuto meno il patto di aiuto ai deboli, il mandato etico, ancor prima che costituzionale -fondamento di ogni società che voglia dirsi civile-, di sostegno ai componenti più fragili delle nostre comunità.
Se una famiglia si arrende, le Istituzioni hanno fallito.
Domani, forse, avremo una bella storia da raccontare, piccole e grandi conquiste di tante famiglie che lottano quotidianamente contro uno spettro, l'autismo, senza pietà. Oggi no.

Dott.ssa Elena Gabardi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni