Home | Interno | Solidarietà | Anffas, Segnana: confronto per salvaguardare i posti di lavoro

Anffas, Segnana: confronto per salvaguardare i posti di lavoro

Lunedì incontro dell'amministrazione provinciale con i vertici della cooperativa sociale

«Anffas ci ha parlato della loro intenzione di rescindere il contratto e quindi, anche a seguito della loro riunione con le parti sindacali di ieri, stamattina abbiamo subito incontrato Cisl e Cgil e nei prossimi giorni ho in programma di sentire anche le altre sigle sindacali.
«Lunedì mattina incontreremo i vertici di Anffas per chiedere loro di aprire una contrattazione e trovare il modo di salvaguardare gli oltre 500 dipendenti che si occupano di persone deboli e disabili, superando la data di rescissione fissata per il 31 ottobre.»
Così l'assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana ha commentato l'annuncio dato dalla cooperativa sociale Anffas che ha deciso di disdire il contratto integrativo provinciale, a seguito della disdetta del contratto nazionale e di nuovi oneri Irap sul personale dipendente a tempo indeterminato.
 
Come ha spiegato a margine della riunione della Giunta il direttore generale della Provincia Paolo Nicoletti, si tratta di un problema legato alla tassazione sul personale delle cooperative sociali, che per norma nazionale devono versare l'Irap anche sul personale a tempo indeterminato: si tratta di un appesantimento forte sul conto economico, che fino al 2018 era compensato dalla Provincia.
Per l'anno in corso la normativa europea prevede che tale compensazione venga considerata parte del contributo de minimis, un plafond oltre il quale non è possibile intervenire.
Ciò comporta che una parte del contributo sia a carico della cooperativa sociale.

«Ci siamo mossi con Bruxelles e abbiamo segnali positivi che per il 2020 la situazione venga a risolversi. Per il 2019 stiamo provvedendo con una revisione del sistema tariffario, – ha spiegato ancora Nicoletti. – Siamo perfettamente consapevoli della delicatezza della situazione sia per quel che riguarda il futuro degli utenti che per quel che riguarda le sorti dei professionisti.
«Stiamo lavorando con tutte le parti coinvolte per trovare insieme la miglior soluzione e garantire il livello di assistenza a disabili e famiglie», – ha concluso.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni