Home | Interno | Solidarietà | Tonina: «Le coop sociali elemento distintivo dell’Autonomia»

Tonina: «Le coop sociali elemento distintivo dell’Autonomia»

Cooperazione sociale: nel 2018 occupazione per 1.700 persone svantaggiate

«I numeri presentati stamattina confermano il ruolo strategico che la cooperazione sociale ha avuto e deve continuare ad avere, anche in futuro, in Trentino. Chi ha una responsabilità politica deve trovare sinergie con il vostro mondo per continuare a garantire – pur in un orizzonte di maggiori ristrettezze economiche – le giuste risposte a quelli che sono bisogni fondamentali per la vita delle persone.»
Così il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento, Mario Tonina, che è intervenuto oggi al seminario «Tra persona e comunità» organizzato dal consorzio Consolida per presentare i dati, relativi ai servizi erogati, al lavoro generato e all'impatto sul territorio prodotto da 48 cooperative sociali.
Erano presenti anche Alessandro Ceschi, direttore della Federazione della Cooperazione e Serenella Cipriani, presidente di Consolida.
 
«Di fronte ai bisogni e alle necessità che oggi crescono, penso, ad esempio all'invecchiamento della popolazione, - ha detto Tonina - dobbiamo dare alle persone risposte concrete. La politica deve capire e sostenere il vostro lavoro, trovando le modalità per collaborare al fine di dare soluzione ai problemi che affrontate quotidianamente. La cooperazione, e quella sociale in modo particolare, è un elemento distintivo della nostra Autonomia. Consapevole di questo, la Giunta provinciale, con atti politici ed azioni concrete, ha già dimostrato un pieno riconoscimento dell'importanza del sistema cooperativo e di quello delle cooperative sociali in particolare. È un settore – ha aggiunto – dove non si può improvvisare, nel quale avete saputo costruire risposte concrete a bisogni complessi.»
 
Tonina, infine, ha invitato la cooperazione sociale a fare un ulteriore sforzo, proponendo idee alla politica in un'ottica di progettazione comune.
«Dobbiamo saper costruire una rete e fare sistema, alimentando – ha concluso – nuova intraprendenza attraverso l’innovazione.»
Nel 2018 – è stato ricordato nel corso del seminario – 24 mila persone hanno usufruito dei servizi delle cooperative sociali, a questi si aggiungono i beneficiari di sportelli, trasporto e ulteriori servizi alla comunità, per arrivare a un totale di oltre 42.000 persone.
Si tratta in prevalenza di giovani (circa 11.200 nella fascia 6-24 anni), bambini in età prescolare (2.600) e anziani (più di 3.700 over 65).
 
Le cooperative sociali d’inserimento lavorativo (18 sulle 48 partecipanti alla rilevazione) hanno offerto occupazione complessivamente a 1700 persone svantaggiate (di cui più del 40% a tempo indeterminato) nell’ambito delle varie azioni e politiche occupazionali, agendo prevalentemente nei settori delle pulizie e della conservazione del paesaggio ma anche nei campi della ristorazione, della lavanderia e della manifattura.
Occasioni lavorative di cui hanno beneficiato prevalentemente persone con disabilità fisica (44%), psichica o psichico-sensoriale (36,3%), con dipendenze (13%) ma anche detenuti (5%).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni