Home | Interno | Trento | Fontana del Nettuno: in ottobre tornerà a zampillare l'acqua

Fontana del Nettuno: in ottobre tornerà a zampillare l'acqua

Oggi iniziano a Trento i lavori di installazione delle apparecchiature necessarie a proteggere la pietra e a prevenire concrezioni calcaree e formazione di alghe

Ritornerà presto a scorrere l'acqua nella fontana del Nettuno.
I lavori per installare le apparecchiature necessarie a proteggere la pietra da concrezioni calcaree e formazione di alghe iniziano oggi e termineranno nei primi giorni di ottobre.
La fontana del Nettuno, recentemente restaurata e dotata di un nuovo impianto di illuminazione, tornerà dunque a zampillare in tempo per l'apertura del Festival dello sport.
 
I tecnici che interverranno sulla fontana si occuperanno dell'installazione dell'apparecchiatura dell’osmosi inversa e del sistema di controllo dell’acqua di ricircolo (centralina di controllo con sonde e pompe dosatrici).
Infatti dopo la realizzazione dell’attuale impianto di trattamento dell’acqua (nel 1992 in occasione del primo restauro), si era assistito alla nuova formazione dei depositi calcarei. Lo stesso fenomeno si è verificato dopo l’intervento di manutenzione straordinaria eseguito nel 2002, tanto che era stata avviata una campagna di monitoraggio dell’acqua per approfondire le cause del degrado.
 
Nel 2001 il sistema ad osmosi inversa, originariamente previsto, era stato sostituito con un addolcitore a scambio ionico. In occasione del recente restauro, ultimato nel dicembre 2020, sono emersi dubbi sull’efficacia dell’impianto di addolcimento nel contrastare il fenomeno della formazione di concrezioni calcaree sulle superfici lapidee.
Per motivi conservativi, di comune accordo con la Soprintendenza, prima di rimettere in funzione l’impianto idrico, è stato dunque ritenuto necessario apportare alcune modifiche all'impianto esistente, per garantire il controllo dell'acqua di vasca, riducendo il più possibile i depositi inorganici e la formazione di alghe.
 
Per ridurre nei limiti del possibile l’erosione è stato inoltre concordato di abbassare il livello dell'acqua all’interno del catino inferiore e di ridurre la pressione di uscita degli ugelli.
Gli interventi di manutenzione straordinaria prevedono di intervenire sia sul trattamento dell’acqua in ingresso che sul trattamento dell’acqua di ricircolo, sostituendo alcune apparecchiature ritenute obsolete.
 
In sostituzione dell’attuale addolcitore verrà introdotto un sistema di depurazione a osmosi inversa.
Il sistema di filtrazione sarà migliorato con l’installazione di una strumentazione che consente il controllo del Ph e il dosaggio automatico del prodotto alghicida.
Le fontane richiedono una manutenzione attenta e puntuale per mantenerle pulite ed in piena efficienza.
Dunque, per la corretta gestione dell’impianto di trattamento dell’acqua nel piano di manutenzione è previsto un calendario di interventi programmati.
I lavori, affidati alla ditta Trentino Acque srl di Trento, iniziano oggi 20 settembre e saranno ultimati entro il 7 ottobre.
Il costo dell’intervento ammonta a 15mila euro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni