Home | Interno | Trento | «Gli anziani nella letteratura e nel cinema»

«Gli anziani nella letteratura e nel cinema»

Venerdì 1 febbraio alla Fondazione Franco Demarchi di Trento si parlerà di come gli anziani vengono rappresentati nella letteratura e nel cinema

Sarà un dialogo su come gli anziani vengono rappresentati nella letteratura e nel cinema, quello che si svolgerà alla Fondazione Franco Demarchi (Aula magna) domani, venerdì 1 febbraio alle ore 16, nell’ambito dei Venerdì di cultura aperti a tutta la cittadinanza, organizzati dall’Università della terza età e del tempo disponibile di Trento.
Interverranno Guglielmo Giumelli, docente di sociologia generale e sociologia del diritto all’Università statale di Milano-Bicocca, nonché autore del volume «Vecchi, vecchie e vecchiaia nella letteratura e nel cinema» (Il Nuovo Melangolo editore), e Stefano Chemelli, ricercatore della Fondazione Museo storico del Trentino.
Nell’ambito dell’incontro sarà presentato il volume Vecchi, vecchie e vecchiaia nella letteratura e nel cinema, edito da Il Nuovo Melangolo, scritto dal professor Giumelli.
 
Il confronto di domani verterà su temi cari e più volte affrontati dal professor Guglielmo Giumelli, secondo il quale «vecchiaia» è un termine difficile da definire poiché è un continuum ondulato, fatto di adattamenti/riadattamenti che inizia nel momento in cui si nasce e termina con la morte.
Nel suo libro Giumelli descrive la vecchiaia «come una condizione che ha indotto, molto spesso, alla costruzione di immagini pesanti, cattive e ributtanti inducendo chi non la sta ancora vivendo ad allontanarla o a nasconderla in vari modi e chi la sta vivendo a 'dimenticare' che la vecchiaia è una condizione e una fase della vita che interessa tutti.
«Forse, si vorrebbe vivere la vecchiaia da non-vecchi o la vecchiaia «senza vecchi». Reinventare la vecchiaia non può ridursi a un ingenuo e illusorio tentativo di aggirarla, scavalcarla e non incorrere negli ostacoli che, inevitabilmente, l'accompagnano. Forse si deve uccidere la vecchiaia vedendo in tale delitto il passaggio necessario e obbligato per rimetterla in gioco e, quindi, viverla con tutti i suoi 'ostacoli' e percorrere il suo sentiero, più o meno lungo.
«Reinventare la vecchiaia deve passare anche attraverso la costruzione di una diversa immagine del vecchio e della vecchia, dopo avere sepolto quelle passate in cui ci si imbatte ancora.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone