Home | Interno | Trento | Trento, Palazzi aperti 2019: Piazza Duomo si veste di suoni

Trento, Palazzi aperti 2019: Piazza Duomo si veste di suoni

Fino a lunedì 13 maggio allo scoccare delle 17 un «trombettiere» si affaccerà dalla finestrella sottostante l'orologio dall'alto della Torre Civica

Piazza Duomo si veste di suoni in occasione di Palazzi aperti 2019.
Riprendendo una tradizione dell'antichità ogni giorno fino a lunedì 13 maggio allo scoccare delle 17 un «trombettiere» si affaccerà dalla finestrella sottostante l'orologio dall'alto della Torre Civica.
Pochi minuti di suono per onorare uno dei più importanti monumenti della città, la Torre civica appunto, riaperta in questi giorni al pubblico in esclusiva per Palazzi aperti.
Tale tradizione si è mantenuta in Polonia, a Cracovia, dove quotidianamente gli squilli di tromba dalla torre del Duomo vengono offerti ai residenti ed ai numerosi turisti come piccola colonna sonora della piazza principale.
Un'azione semplice e molto seguita dai gruppi di turisti, che ogni giorno aspettano l'azione sonora con le teste all'insù.
 
Nelle giornate di venerdì 10, sabato 11 e domenica 12 maggio, dopo gli squilli di tromba dalla Torre civica si esibirà in una prima assoluta il Corpo musicale Città di Trento - Banda cittadina dalle finestre di Palazzo Pretorio che si affacciano sulla piazza.
Una vera e propria performance «dalla finestra», con un repertorio di brani e danze del '500.
Qui di seguito il repertorio:
- Renaiassance_Suite è una selezione di danze del ‘500 comprendente: Morisca, Basse Danse, Rondeau, Saltarello e Pavane. Tali opera sono scritte dal compositore fiammingo Tielman Susato e riproposte nell'arrangiamento per fiati di Hermann Egner;
- Two Trumpet Tunes and Ayre e anthem da Music for Queen Mary II sono dei brani barocchi, composti dal musicista inglese Henry Purcell, rispettivamente arrangiati per fiati da John Corley e da Robert King.
 
Questa iniziativa, a cura dell'assessorato alla cultura, è una prima sperimentazione per valorizzare la relazione tra il suono e la città.
Seguiranno altre sperimentazioni, che saranno comunicate più avanti.
Fino al 13 maggio la manifestazione Palazzi aperti, giunta alla sua 16a edizione, permetterà a cittadini e turisti di scoprire nuovi aspetti dei percorsi e dei luoghi storico-artistici che caratterizzano la nostra città.
L'appuntamento di quest'anno si concentra in quelli che potremmo chiamare i tesori nascosti di piazza del Duomo perché le possibilità di visita si concentrano nella piazza «cuore della città»: l'apertura straordinaria della Torre civica, riportata alla sua originale bellezza dopo l'incendio che l'ha coinvolta nell'agosto 2015, gli scavi archeologici di Porta Veronensis, aperti al pubblico dopo oltre quattro anni di chiusura, e la visita della Basilica paleocristiana, antico luogo di culto cristiano situato sotto la Cattedrale di San Vigilio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone