Home | Interno | Trento | Zuffo, apre oggi il ciclo-parcheggio per i pendolari

Zuffo, apre oggi il ciclo-parcheggio per i pendolari

Gli stalli sono 244: 12 «e-motion», 16 postazioni per bici «in-centro» e 216 postazioni per le due ruote private

image

>
Da oggi chi lascia l'auto al parcheggio Zuffo può usufruire di una struttura sicura e moderna in cui lasciare la propria bicicletta.
Infatti, dopo il completamento della pista ciclopedonale di collegamento con il centro città (attraverso via Druso, via Fratelli Fontana e via Vannetti), l'Amministrazione comunale ha dato il via alla costruzione di un nuovo ciclo-parcheggio di interscambio auto-bicicletta, in modo da favorire la mobilità sostenibile e ridurre il traffico.
Il progetto è stato pensato in particolare per i pendolari che raggiungono quotidianamente la città per lavoro.
 
Il nuovo ciclo parcheggio è stato costruito all’estremità sud del piazzale ex Zuffo, in prossimità del Doss Trento, ed è di proprietà del Comune.
Sono stati ricavati 244 stalli per biciclette: 12 postazioni «e-motion» per bici elettriche, 16 postazioni per bici «in-centro» e 216 postazioni per le biciclette private. Gli stalli sono serviti da corsie di 2 metri e mezzo di larghezza; una quota dei parcheggi (equivalente a circa 60 stalli) è coperta da una tettoia, ma in futuro sarà possibile aumentare la superficie fino a coprire circa 200 stalli.
 
Molta importanza è stata data alla sicurezza, assicurata da una recinzione alta tre metri e dall'impianto per la videosorveglianza, pensato per scoraggiare furti e vandalismi.
L'ingresso è previsto in corrispondenza del fronte ovest ed è caratterizzato da pannellature colorate che lo rendono facilmente individuabile.
Al ciclo-parcheggio si può accedere utilizzando la tessera del trasporto pubblico (quella personale, non la tessera a scalare), come già avviene per i cicloparcheggi «Port'Aquila» di via Saluga e «Trento stazione» di via Dogana.
 
Nel caso in cui il ciclista non fosse in possesso dell'abbonamento, può richiedere il rilascio del badge a Trentino Mobilità, che garantisce il controllo e la gestione degli accessi.
È previsto inoltre un ingresso carrabile per i mezzi di servizio. Il costo complessivo dell'intervento è di 100 mila euro.
 
I lavori sono stati progettati e diretti dai tecnici del servizio Attività Edilizia (il progetto è dell'architetto Giancarlo Conci, la direzione dei lavori è stata affidata al geometra Renzo Buglioli per la parte edile e all'ingegner Alberto Ricci per la parte impianti).
I lavori sono stati eseguiti da Metalcarpenterie Dalfovo di Mezzolombardo e Mb Costruzioni Elettriche di Vezzano.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone