Home | Interno | Trento | Elezioni comunali | «Vive la différence!» – Votare donna alle elezioni comunali/ 1

«Vive la différence!» – Votare donna alle elezioni comunali/ 1

Prima presentazione: Valentina Paoli (comune di Civezzano), la più giovane

image

Valentina Paoli l'avevamo già fotografata in occasione della sua partecipazione alle selezioni di Miss Padania. Il suo servizio fotografico è ancora presente in pagina «Prove di Donna», anche se allora una pagina vera e propria dedicata alle donne non era ancora nata.
L'abbiamo riscoperta un anno dopo, quando l'abbiamo invitata ad un altro servizio fotografico. Sempre solare e disponibile, le abbiamo scoperto un lato che prima non conoscevamo: la volontà di dedicarsi alla politica e di affrontarla con una certa determinazione.
Noi il servizio fotografico l'avevamo fatto prima di saperlo, per cui - oltre ad essere il primo - risulterà il più corposo di tutti quelli che seguiranno.
Comunque sia, Valentina Paoli è la più giovane di questa serie di presentazioni politico/iconografiche di donne che hanno deciso di mantenere la loro femminilità pur scendendo in competizione con il loro concorrente più agguerrito: l'uomo.
Potrà sembrare una ragazzina e bella e affascinante, sbarazzina ed elegante, ma per restare davvero meravigliati, bidogna leggere il suo programma elettorale che riportiamo nell'intervista che segue.

VALENTINA PAOLI è nata a Trento il 3 marzo 1989, ma ha sempre abitato a Civezzano, nella frazione di S. Agnese. Studia all'Istituto per geometri a Trento e durante l'estate lavora come operatrice sanitaria alla casa di riposo a Povo e come segretaria nella ditta di famiglia. Quando può, sfila per l'atelier di Anna Gaddo.
Da sempre appassionata di politica, si è adoperata in prima persona per far nascere la sezione Lega Nord di Civezzano e Fornace. Adesso ne è segretaria e poiché quest'anno nel suo comune ci sono le elezioni, ha lavorato con l'onorevole Maurizio Fugatti per fare una lista da presentare alle comunali come Lega Nord. Insieme hanno contattato le persone giuste, con le quali è stato deciso di presentare una lista civica, che si chiama appunto «Civica per Civezzano». La scelta di fare una civica è nata perché alcune persone non si riconoscono in tutti gli ideali del partito mentre condividono i punti fondamentali del programma. Programma che ha ben 13 punti condivisi da tutti, aspetto che potrebbe voler significare un impegno importante per tutta la comunità che rappresentano. Vediamoli.

ANZIANI
«Civezzano è un comune di circa 4.000 abitanti. - Precisa Valentina Paoli, che dedica volentieri il suo tempo agli anziani di Povo. - Vi pare possibile che in un comune di queste dimensioni non ci sia una casa di riposo?»
Per la verità, si era già pensato a Civezzano come posto ideale per una casa di riposo, se non altro perché si trova in condizioni ambientali e climatiche ideali ed è vicino a Trento, nel caso di immediato soccorso medico. Civezzano, poi, non è troppo turistico come Pergine, Piné o Caldonazzo, quindi un posto tranquillo per definizione.
«Beh, nonostante queste motivazioni - commenta Valentina, - le vecchie legislature si son fatte scappare più di un'occasione.
Nel loto programma sono previsti un centro diurno, un centro prelievi e un servizio di fisioterapia per esterni.
«Non è una critica alle precedenti maggioranze, ma è giunto il momento di ricordarsi degli anziani. - Prosegue Valentina Paoli (che ha appena compiuto 20 anni…) - Certo però non hanno pensato al futuro, dato che quella casa di riposo potrebbe essere l'ultima cosa di molti di noi. Ma se proprio avessero voluto pensare solo all'oggi, perché non hanno preso in considerazione la nascita di nuovi posti di lavoro che l'iniziativa comporterebbe? O al potenziamento che subirebbe il sistema ambulatoriale e alla realizzazione tramite Acli Consat di nuovi appartamenti piccoli per anziani?»

SCUOLA
«L'attuale amministrazione vede nel Maso Zandonà il posto perfetto per costruire un asilo nido. - protesta Valentina, con linguaggio giovanile. - A noi sembra una cavolata perché i posti sono pochi (circa una decina), ma non vorrei che con il passare degli anni quella bella zona in mezzo al verde, con la scusa dell'asilo nido nel vecchio maso, decidessero di renderla edificabile.»
Valentina Paoli dimostra di avere le idee chiare e una certa lungimiranza. Ritiene inutile pendere soldi per trasformare un maso in nido, quando invece si stanno aprendo altre opportunità.
«Poiché Ivo De Carnieri si trasferisce - prosegue, - Studiando la situazione con un attimo di visione strategica, si potrebbe arrivare alla conclusione di fare un vero e proprio polo scolastico unico, con elementari, medie e nido nella struttura lasciata dall'istituto Ivo De Carnieri (ferme restando tutte le altre scuole sorte nelle varie frazioni) e adibire il nuovo nido e scuola materna nelle attuali elementari di Civezzano.»
Presenta anche una visione sociale della problematica scolastica non propriamente didattica.
«Non sarebbe male che i ragazzi delle medie non avessero sotto gli occhi l'esempio degli studenti delle superiori che hanno forte distacco di età e comunque attraversano il periodo adolescenziale della vita.»
Poi, un'attenzione alle famiglie.
«Inoltre i genitori non dovrebbero fare avanti e indietro per portare i figli a più scuole, nel senso che il genitore avrà nelle vicinanze nido, scuola materna, elementare e medie.»
Proseguendo nel discorso scuola, Valentina lamenta che le elementari non hanno una cucina propria ma il cibo viene portato da fuori.
«Non ci sembra giusto che bimbi con età compresa fra i 6 e i 10 anni mangino cibo precotto o fatto fuori dalla scuola. Quando potrà costare in più fare una cucina interna alla scuola così che possano mangiare bene anche i piccolini?»

URBANISTICA
Piazza Santa Maria. «Credo che nessun paese trentino abbia mai visto il fenomeno di una piazza recintata nella quale circoli il traffico. - Sorride al paradosso. - La piazza di Civezzano è intasata da auto, moto, a volte camion e… ed è recintata. O togliamo il recinto, o togliamo il traffico. Meglio togliere entrambi. Recintare una piazza come se dentro ci fossero pecore…. Dappertutto le piazze principali sono libere e vivibili. Domando, ma è così difficile costruire una nuova strada che passi dietro la chiesa lasciano la piazza a disposizione della gente?»
Vivibilità. Valentina Paoli non vuole che Civezzano diventi un paese-dormitorio, cioè lavorare altrove e tornare a casa solo per dormire.
«Per impedire questo, noi vogliamo una zona tipo quella Prada Stefanelli per le giovani coppie. Ma lasceremo costruire casa solo a chi ha 15 anni di residenza, in modo di essere sicuri che non venga venduta a forestieri.»
Vuole che venga preservato il «loro» verde. E poi va incentivata l'energia alternativa anche a Civezzano.
Campo sportivo. «Abbiamo trovato due posti per costruire un nuovo campo sportivo, - assicura la giovane. - Il posto ideale è in zona Valcamino in quanto il sole c'è per tutto il giorno. Nell'altra localizzazione le montagne fanno ombra e il campo sportivo è soleggiato per poche ore. Inoltre, in zona Valcamino il campo sportivo sarà annesso a un piccolo centro benessere gestito da privati.»
Trasporti. Nell'arco della giornata, Civezzano ha solamente un collegamento con Pergine e tutta la Valsugana. È inutile parlare di ambiente se i servizi di trasporto non esistono. La mattina il collegamento con Trento è efficace ma nei pomeriggi, di sabati e di domenica è praticamente inesistente. Noi vorremo la creazione di un centro "intermodale" alla Mochena che consenta di raggiungere il "Minuetto" della Valsugana, e magari una navetta di collegamento con il centro di Civezzano.»

«Con questi punti e con le persone che fanno parte della lista, sono sicura di vincere, - dice Valentina Paoli, con il sorriso solare di una ventenne. - Se non sarà così, mi consolerò pensando che per la prima volta Civezzano avrà comunque un sindaco da S. Agnese, una delle tante frazioni.»

Tutti i vestiti che seguono sono stati disegnati e fatti a mano dalla stilista trentina Anna Gaddo, che da un anno ormai ci mette a cortese disposizione i suoi capi unici e la passerella del suo atelier.







Nelle immagini sopra, uno stupendo vestito formato da un corpino in tessuto stampato a paillettes, con lunga gonna bianca in sbiego. In alcune foto il corpino è elegantemente sostituito con una stola di volpe nera.




Completino giallo reluxe oro, stile indiano con bordatura floreale. Adatto anche per una ragazza giovane come Valentina.



Valentina indossa qui sopra una giacca da sera di seta bianco argento relux, che fa parte di un elegante vestito con particolare taglio anni '60.




Completo floreale in chiffon di seta con gonna a ruota vol au vent, ripreso preziosamente al collo.






Bellissimo abito da cerimonia in tessuto ricamato a piccoli pois. attaccati uno all'altro che lo rendono trasparente, senza per questo lasciar trasparire nulla.
Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni