Home | Letteratura | «Operazione Folichon» | Il romanzo dell'estate: «Operazione Folichon» – Capitolo 14°

Il romanzo dell'estate: «Operazione Folichon» – Capitolo 14°

image

®
Guido de Mozzi

«Operazione Folichon»

Primavera - Estate 2010

PERSONAGGI


Dott. Marco Barbini

Imprenditore italiano

On. Vittorio Giuliani

Senatore della Repubblica Italiana

Arch. Giovanni Massari

Imprenditore italo americano

Eva de Vaillancourt Massari

Moglie di Massari

Geneviève Feneuillette

Baby-sitter di casa Massari

Antonio Longoni
Cesare Agnolin
Giancarlo Negroni

Soci d'affari di Massari

Julienne (Giulia) Lalancette

Assistente di Massari

Rag. Luciano Pedrini (610)

Promotore finanziario di Massari

Giuseppe Kezich

Maestro di caccia

Amélie Varenne

Estetista di Eva Massari

Ing. Giorgio Scolari

Titolare del calzificio Technolycra Spa

Col. Antonio Marpe

Dirigente del Gico

Gen. Massimo Frizzi

Alto funzionario della DIA

Massimiliano Corradini

Finanziere sotto copertura del Sisde

Ammiraglio Nicola Marini

Direttore del Sismi


Nomi, fatti e personaggi di questo romanzo sono frutto della fantasia dell'autore.
Eventuali riferimenti alla realtà sono fatti solo per inquadrare il momento storico di riferimento.
Il locale «
Le Folichon» esiste, ma non è mai stato teatro di fatti come quello descritto nel presente romanzo.


Capitolo 14.



Quella sera, a me e Giulia non rimase altro che andare a cena e attendere l'evoluzione degli eventi. Andammo da Michelangelo. Tanto mi ero gasato per aver in qualche modo scoperto come stessero le cose, quanto ora mi sentivo deluso per non aver ottenuto in realtà alcun risultato. Come un emigrato Italiano sentivo nostalgia di casa. E la mancanza di un amico. Giulia si accorse del mio stato d'animo.
«Posso fare qualcosa per te?»
«Posso essere volgare?»
«No. Quello so fartelo senza che me lo chiedi. Sto parlando alla tua anima, caro Barbini. Se c'è ancora spazio per la mia, naturalmente...» - Disse con amarezza.
«Scusami, Giulia, siamo tutti stanchi. Non volevo toccare la tua sensibilità. - Le strofinai il naso sul collo. -Non c'è niente che tu possa fare, mi sento una merda. Quanto è accaduto non riesco a valutarlo razionalmente. Evidentemente, invece, il mio subconscio ha capito benissimo che nell'insieme ho perso.»
Stavolta mi strofinò il collo lei col naso.
«Non dimenticherò mai che una delle cose che avevi chiesto a Amélie era di sistemare me e i miei colleghi. - Le venne un nodo alla gola. - Anche quelli appartenenti a categorie protette.»
«Dacci un taglio. - Le dissi sorridendo per smorzare l'emozione, asciugandole una lacrima. - E' facile fare i signori con i soldi degli altri.»
La zuppa che ci portarono ci fece dimenticare un sacco di cose. Passammo la notte all'Hotel Frontenac, con l'intensità dovuta a quella che poteva essere a tutti gli effetti l'ultima notte. Comunque l'ultima notte in cui il Frontenac era proprietà anche di Amélie.

La mattina dopo non riuscii a parlare con Amélie. E non mi riuscì neanche a mezzogiorno. Nel pomeriggio mi mandò il messaggio di risposta, secondo il quale si sarebbe fatta viva lei in serata.
Chiesi a Giulia di stare con me. Nuotai nella piscina al settimo piano del Frontenac, poi feci un idromassaggio e una sauna. Ci sorbimmo le attenzioni delle massaggiatrici di turno, poi chiesi l'intervento del kiropratico che avevo già conosciuto dieci giorni prima. Questo venne un'ora dopo. Sistemò una sola brandina rigida, ma gli dicemmo subito che avrebbe dovuto lavorare entrambi.
«Faccio prima te.» - Disse a Giulia, col tono di chi tiene per ultimo il pezzo migliore. Poi iniziò a farle scricchiolare le giunture delle ossa. Impiegò poco, o comunque meno che con me. Infatti, aveva impiegato un'ora piena a lavorarmi di schiena ed era da poco passato al momento in cui doveva letteralmente schiacciarmi di peso, quando squillò il telefono. Rispose Giulia.
«Sì?»
Mentre rispondeva, il massaggiatore ne approfittava auscultando la parte più corposa del gluteo destro.
«Sì, - proseguì Giulia tagliando le curve, - sì, sono in camera sua. In questo momento c'è Gédé che si sta lavorando Marco... No, non è un triangolo del cazzo Amélie. Gédéon è un…, ma è un... No. Hai capito peggio di quello che è. Gédé se lo sta... Oh, al diavolo! Senti, te lo spiegherò un'altra volta, OK? Ora parla tu.»
Ascoltò, poi salutò, la rassicurò e chiuse il telefono.
«Ci sta aspettando. Se solo mandi via il tuo amico Gédéon...»
Rimasi voluttuosamente sensibile alle mani di Gédéon e indifferente alle sue parole.
«Beh, tu fai quello che vuoi, - brontolò. - Io vado al Folichon. Amélie ci aspetta lì.»

Avevo dato una buona mancia al kiro, avevo fatto una doccia tanto bollente quanto lunga, e dopo una mezzora scendevamo nella hall dell'albergo. Vi trovai Luciano Pedrini.
«Marco! E' un pezzo che ti sto cercando, Cristo. Dove sei stato?»
«Cosa posso fare Luciano?»
«Cosa puoi fare? Forse non te ne sei accorto, ma siamo rimasti in brache di tela. La scomparsa di Massari ha cancellato il nostro futuro, qui...»
«A te forse. - Replicai. Poi ci ripensai. - Ma neanche a te, tutto sommato. E' più giusto dire che ti ha cancellato il passato, piuttosto.»
«Cosa vuoi dire?» - Chiese, tessendo un filo di speranza.
«Vieni con noi.»
«Dove andate?»
«Al Folichon.» - Rispose per me Giulia, facendo un gesto eloquente con la mano.

Arrivammo che Luciano era più che eccitato che mai dall'idea di andare in un posto del quale aveva solo sentito parlare e nei termini più che lusinghieri in fatto di erotismo. Il tratto a piedi fra il taxi e il locale fu come una botta di freddo che mi mise stranamente all'erta. Ma appena entrato ritrovai l'atmosfera che mi aspettavo; caldo e calore femminile.
«Siamo...» - Dissi alla guardarobiera, ma non mi fu necessario precisare il nome.
«Dottor Barbini, è atteso al piano di sopra.» - Mi disse una cameriera mentre consegnavamo cappotti e pelliccia.
Luciano era visibilmente agitato e si guardava intorno con curiosità senza vedere niente di preciso. Seguimmo la ragazza con la sola giacca del frack, che ci portò in un piccolo ascensore non accessibile al pubblico, anche se a dir la verità speravo che ci avesse fatto strada in una scalinata. Luciano cercava di non guardare, ma io non potevo esimermi dai miei soliti complimenti.
«Signorina, ha delle scarpe bellissime.» - Lei sorrise, e quando uscì cercò di mettere in mostra il meglio di sè. Luciano iniziò a darsi coraggio e guardare.
La giovane bussò ad una porta. Ci aprì una piacente signora sui cinquant'anni.
«Dottor Barbini?»
«Sono io.»
Poi, dato che guardava i miei accompagnatori, chiamai la cameriera che stava andando via.
«Mi scusi, signorina. - Lei si girò ad ascoltarmi. - Potrebbe accompagnare il mio amico giù nel salone degli spettacoli?»
«Certamente. - Rispose. Poi, rivolta a lui, - «prego, mi segua.»
Luciano le andò dietro tutto pimpante.
«Ah, signorina?» - La chiamai ancora.
«Sì, signore?»
«Dica alle ragazze di farlo divertire. Non vede una donna da almeno un anno.»
«"Oui, monsieur". Ci penso io.»
«Cosa le hai detto?» - Chiese l'amico per vincere l'imbarazzo. Ma poiché la cameriera stava già entrando in ascensore, la raggiunse in cabina con un balzo. L'ascensore si bloccò e non volle più muoversi, allora uscirono e fecero le scale a piedi. Auguri, ragazze.
Dopo le presentazioni, anche la signora ci lasciò soli. Così venimmo a sapere che lei era la direttrice, mentre Amélie era la proprietaria. Lo era ancora, notai con piacere.
«Complimenti.» - Disse Giulia ammirata.
«Non avevo dubbi.» - Confermai.
«Bene. - disse allora. - «Da come avete capito, almeno questo mi è rimasto...»
«E il resto?» - Chiese prima Giulia di me.
«E' stata dura. - Volle premettere raccogliendo le idee. Si rivolse a me. - I nostri avvocati hanno lavorato tutta la notte e la giornata di oggi per trasferire quasi tutto a una SIM italiana di nome Selfig, la quale si è impegnata di riscattare gli immobili presso le banche canadesi e di collocare con intelligenza sul mercato l'intero patrimonio.»
«A una SIM?»
«Già. Sarà questa a versare nelle casse dello Stato Italiano il ricavato dell'operazione.»
Devo ammettere che la stavo ascoltando con il cuore in gola, come se si fosse trattato di patrimonio mio.
«Tutto?»
«Mi hanno lasciato alcune cose.»
Fece una pausa per darmi tempo di comprendere il significato delle sue parole. Non intervenni, e lei proseguì.
«A Eva non hanno toccato nulla o quasi, ma non aveva molto. Le sono rimaste sostanzialmente la villa di Québec, la casa di campagna e la villa a Miami Beach.»
«Non è poco. - Ammisi. - Sempre che possa mantersele.»
«Ci riuscirà. - Aggiunse Amélie. - Mi hanno lasciato un paio di cosine... Sono stata irremovibile, altrimenti non avrei accettato nessun patteggiamento patrimoniale.»
«...Che era quello cui loro tenevano di più. - Dissi. - O mi sbaglio?»
«E' così, tantovero che dal punto di vista penale non sono neanche stata sfiorata. Per farla in breve, ci è rimasta l'agenzia immobiliare. Senza proprietà, però. Dovremo solo amministrare gli affitti...»
«"Bon Dieu, mercie!"» - Sospirò Giulia scaricando l'angoscia.
«Sì, Giulia. Me l'hanno lasciata a una condizione. Che non si perdano posti di lavoro.»
«Yeeeh!» - Urlò Giulia alzandosi.
«Bonne, parbleu!» - La calmò. Poi mi guardò. - «A me hanno lasciato solo la catena The Virgin's Secret...»
«Alla faccia, digli poco! Hai fatto un colpo, ragazza! La tua quota varrà almeno 100 milioni di Dollari, e se chiudi l'accordo con la Technolycra Spa per la distribuzione delle calze in America tramite questa catena... Farai come al gioco della tria quando si riesce a fare molinello: si mangia una pedina ad ogni mossa...»
«E' un po' di più.» - Disse con falsa modestia.
«Un po' più di cosa?»
«Di 100 milioni... - Rimasi ad ascoltarla. - Durante le trattative fatte con i funzionari fiscali del tuo paese, si era sparsa la voce che avrebbero potuto sequestrare tutto, e il titolo della The Virgin's Secret era crollato alla borsa di New York.»
«Beh, allora varrà di meno, semmai.» - Dissi, non comprendendo la sua gioia.
«Non appena informata del crollo, ho comperato il 22% dei titoli a metà prezzo indebitando la quota in mio possesso. Ora ho la maggioranza assoluta. Praticamente l'azienda è mia.»
Stavolta mi alzai in piedi io sbalordito.
«Sei una donna di ferro, cazzo! In un momento in cui ti sta cadendo tutto addosso, riesci a fare un colpo da maestro. Ma cos'hai adesso, un patrimonio di 300 milioni di Dollari?»
«No. Solo un po' più della metà. Ho intestato il 49% della finanziaria che possiede le azioni della Virgin, a Eva de Vaillancourt.»
«Sento che non mi meraviglierò più di nulla.» - Dissi sotto voce.
«Come d'accordo, il 30% dell'immobiliare CanAm, andrà a Giulia. Non è molto, ma è pur sempre qualcosa.»
Io e Amélie la guardammo un momento per vederne le reazioni, ma non ne trovammo. Era allibita.
«Mentre so che comprenderai se il Folichon me lo sono tenuto tutto per me. Ma sarete miei ospiti gratis per tutta la vita!»
Rise, sapendo che il cliente deve pagare direttamente le ragazze.
«Sei una forza. Ha ha!»
Si alzò in piedi.
«Bene ragazzi. Sono stanca e voi dovete raggiungere il vostro amico Luciano.»
Ci abbracciammo e uscimmo. Fuori c'era la direttrice che attendeva di entrare e una cameriera che ci aspettava per accompagnarci da basso.

Chiesi di farmi vedere dove stava Luciano e me lo indicarono in un separè stile Belle Époque mentre faceva uno spuntino con un paio di ragazze particolarmente gioviali, formose e... vestite. Un fenomeno. Decidemmo di non disturbarlo.
«Beviamo qualcosa e poi andiamo a letto.» - Dissi a Giulia non appena seduto in un altro separè. Ora sì la nostra relazione stava volgendo al termine. Non so se lo avesse capito, ma io ordinai lo Champagne d'addio.
«Perché, a cosa vuoi brindare?»
Non sapevo cosa rispondere. Giunse per tempo una cameriera a sussurrarmi qualcosa nell'orecchio.
«Il vostro amico Luciano ha chiesto di voi. Chiede se potreste raggiungerlo nella privée N. 17.»
«Vieni. - Dissi a Giulia. - Luciano ha bisogno di noi.»
«Ha bisogno per cosa?» - Chiese tra l'incredulo e l'ironico.
Ma non mi era bastata la sua perplessità a mettermi in guardia. Infatti, quando mi venne in mente che Luciano l'avevamo visto in un separè, fu troppo tardi. Eravamo ormai entrati nell'appartamentino privato contrassegnato dal numero diciassette, quando fummo sorpresi e colpiti entrambi alla testa con un pesante manganello di gomma contenente palle di piombo.
Quando rinvenni, avevo il polso destro ammanettato alla caviglia sinistra di Giulia e, viceversa, la mia caviglia ammanettata all'altro polso suo. Quello che non capivo era chi diavolo potesse aver teso la trappola.
Giulia si era ripresa prima di me e aveva già messo a fuoco la situazione.
«Vogliono qualcosa da te, ma penso proprio che invece tramite tuo vogliano qualcosa da Amélie.»
Alzai la testa dolorante e vidi una persona che mi ricordai di aver conosciuto due mesi prima. Antonio Longoni, quello che io chiamavo Antonio da Padova.
Credevo di aver capito. Troppo tardi, forse. Oltre ad Antonio da Padova, e questa era una sorpresa davvero, c'era anche una persona insospettabile: Giuseppe, il cameriere del Parmesan di origine russa che ci aveva fatto da guida a caccia del cervo nel Maine. Lo credevo ancora stordito…
«Signori buongiorno. - Dissi finalmente. - Dettate pure.»
«Quando chiamo Amélie al telefono, devi dirle quello che adesso ti spiegherò. Tu obbedisci, e vedrai che tutto andrà liscio. OK?»

Mi spiegò le condizioni per una decina di minuti. Era abbastanza concreto da discutere con me i particolari di quello che voleva e sulle possibilità tecniche di ottenerlo. Non sapeva bene il francese, mi avvertì, ma Giuseppe parlava abbastanza bene anche l'italiano. Alla fine prese il telefono e me lo passò. Mi disse di farmi passare Amélie.
«Amélie, sono io.»
«Cosa è successo?»
Dalla mia voce aveva capito subito che era accaduto qualcosa di drammatico. Antonio mi fece cenno di parlare ed era abbastanza tranquillo perché una linea interna, di logica, non poteva essere intercettata.
«Io e Giulia siamo sotto sequestro in una stanza del Folichon.»
«La 17, vedo.»
«Già. - Il display del suo telefono doveva segnalare il numero del mio apparecchio. - Antonio Longoni e un'altra persona ci hanno sequestrati. Vogliono qualcosa da te.»
«Sentiamo.»
«Dieci milioni di dollari, dei quali uno in contanti.
«Nientemeno! - Disse, con finta meraviglia. - E questo dovrei farlo adesso? Stanotte?»
Rise.
«No. Domattina. Entro le nove di domattina. Una valigetta.»
«Un milione in contanti potrei farcela... Un momento, però. Parla di dollari americani o canadesi?»
«Americani.»
«OK. Per questi ce la posso fare.»
«Bene.»
«E gli altri nove, come li vuole.»
Lo riferii ad Antonio.
Lui bestemmiò, poi le comunicò tramite le coordinate bancarie di un paradiso fiscale che lei conosceva.
«Beh, digli che alle nove di domattina avrà i soldi.»
«Glielo dico.»
«E la ricevuta di versamento alle Cayman.» - Aggiunse lui.
«Bene, - sospirò. - Digli che avrà anche quella.»
Glielo riferii e lui mi rispose.
«Ha detto che alle nove e un quarto ucciderà Giulia… Scusa un attimo.»
Antonio mi parlò ancora.
«Alle dieci e trenta ucciderà anche me.»
«Alle 10.35 lo ucciderò io. Di persona.»
«Ti credo. - Ammisi. - Ti conosco. Ma noi saremo dei donatori di organi.»
«Come pensa di cavarsela?»
«Gliel'ho già chiesto. Mi ha risposto che sono fatti suoi.»
«Volete da mangiare, avete bisogno di qualcosa?»
Lo chiesi ad Antonio.
«No. Ha detto che non abbiamo bisogno di niente. A domattina. - Le dissi come per salutare un'amica in condizioni normali.
Ah, dimenticavo. Amélie, ci sei ancora?»
«Ordina.»
«Luciano. Devi occuparti di lui. E' da qualche parte nel locale.»
«Ci penserò io. 'Notte.»
Restammo soli in silenzio. Poi mi rivolsi a Giulia.
«Non preoccuparti. Come hai visto, Amélie è una donna in gamba. Domani tornerà tutto come prima. Ora cerchiamo di rilassarci e dormire nonostante la scomodità di queste manette.»
«Dovrei fare la pipì. - Disse Giulia. - E non solo. Lo Champagne, la paura...»
«Ci puoi togliere le manette?» - Chiesi ad Antonio.
«Arrangiatevi così. - Rispose questo. - Il bagno è là.»
«Ma almeno...»
«O così o niente.» - Giuseppe non aveva ancora aperto bocca. Forse era rimasto rincoglionito dopo quella battuta di caccia.
In bagno fu un'operazione tra il grottesco e il comico, ma servì forse a ridurci la tensione. Avevamo dovuto tenere la porta aperta, e mi augurai che quell'involontaria sceneggiata fosse servita ad instaurare un rapporto meno distaccato tra carcerieri e prigionieri.
Poi provammo a metterci a letto per prendere un po' di sonno. Anche qui impiegammo un po' a trovare la posizione giusta. Ognuno dovette rassegnarsi a tenere una gamba flessa e ad accettare il contatto dell'altro.
Provai a scherzare.
«Ti pare questo il momento di abbassarmi la zip?»
«Ma che dici? - Mi rispose. - Non sto facendo nulla.»
Non aveva capito niente. Ma ottenni lo stesso un effetto.
«Basta così! - Urlò Giuseppe d'un tratto. Non era rincoglionito del tutto. - Un po' di contegno, diable d'un italien! Neanche nel momento della tragedia, riuscite a...»
«Ma non sono io ad abbassare la...»
«Guarda che già una volta non ho esitato a uccidere personalmente i due carnefici delle ragazzine che hai visto frustare proprio qui due settimane fa.»
«Cosa cazzo stai dicendogli, Giuseppe?» - Chiese in italiano Antonio da Padova.
«Li sto minacciando! - Antonio allora lo lasciò andare avanti. Si rivolse ancora a me.- Avevo dato loro l'ordine di violentarle per metterle fuori uso. Avevano usato il proprio sesso per rivoltarle come un calzinoe la frusta fatta col nerbo di bue per ridurle in fin di vita.»
«Li hai uccisi perché avevano provato un insano piacere malvagio?» - Gli domandai.
«No. Li ho scannati come maiali perché erano dei selvaggi. Degli Uroni. Con la mia babutschka
La estrasse per farla vedere, mentre Antonio restava indifferente. La babutschka era il termine russo di un coltello che si apre e si chiude a farfalla facendo un suo tipico rumore sinistro.
«Non vedo l'ora di usarla anche con voi.»
«Questo razzista vuole uccidere i tuoi ostaggi. - Dissi in italiano ad Antonio Longoni. - Vuole bruciare la tua polizza per la vecchiaia.»
«Puoi immaginare quanto me ne frega. Hanno già arrestato sia Agnolin che Negroni. Io ho deciso. O ricco o morto. Vedi un po' tu…»
Avevo capito a quel punto che comunque fossero andate le cose, ci avrebbero ammazzati davvero. Cercai di non trasmettere la mia brutta intuizione a Giulia e provai ad addormentarmi.

La mattina mi svegliai con dolori dappertutto, ma pareva che lei avesse riposato serenamente. Quando vidi che erano le sette, iniziai a prepararmi per la fine. Rivolsi i pensieri alla mia famiglia. Poi, rendendomi conto che pensando a loro sarei stato aggredito dall'angoscia, cercai di reagire.
«Forza Giulia. Mettiamoci a sedere.»
«Devo andare in bagno.»
Squillò il telefono.
Longoni ci tirò giù dal letto provocando dolori a entrambi.
«Fermo, Cristo! Mi hai fatto slogare un polso!»
«Rispondi al telefono e non fare cazzate.»
Presi la cornetta alzando la caviglia di Giulia, e risposi.
«Buongiorno, Marco. Sei riuscito a chiudere occhio?»
«Giulia mi ha tormentato per tutta la notte.»
«E' lì Longoni?»
«Sì.»
«Digli che è pronta una valigetta con un milione di dollari in contanti. Biglietti da venti, da cinquanta e da cento.»
«Antonio, - ripetei, - dice di aver recuperato icontanti in tagli da venti, cinquanta e cento.»
«I soldi sono nel palazzo?» - Chiese di rimando.
«Dove sono?» - Domandai ad Amélie.
«Qui. Posso mandarveli?»
«Può mandarli?» - Chiesi ad Antonio.
«Sì. Ma deve portarli una delle sue cameriere. Vestita esattamente come sempre, praticamente senza niente addosso. Così vedo se porta armi.»
Lo ripetei ad Amélie.
«Vuole essere sicuro che non gli tendi una trappola.»
«Digli di andare a fare in culo. Dove ne trovo una a quest'ora? E' stato più facile trovare i soldi.»
«Digli di buttarne una giù dal letto!» - Intervenne Antonio che aveva sentito.
«Lo farò.» - Rispose Amélie senza aspettare che lo ripetessi, e chiuse il telefono.
Dopo circa mezzora, il telefono si mise a squillare. Antonio Longoni mi fece andare al telefono, e io ancora una volta vi trascinai la povera Giulia.
«Pronto?»
«Passami Antonio.»
«Antonio, Amélie ti vuole.»
Antonio prese la cornetta.
«C'è una cameriera davanti alla tua porta.» - Sentii dire da Amélie al telefono.
Giuseppe andò allo spioncino e vi guardò attraverso.
«E' vero. E' qui fuori.» - Confermò Giuseppe.
«Guai a te se la fai entrare.» - Continuò Amélie. - «Prendi la valigetta e rimandala indietro subito. Non è che una ragazzina.»
«Hai fatto il trasferimento del resto?» - Continuò lui in un brutto francese.
«Sì, ma non ho la ricevuta. Devo aspettare che si aprano le contrattazioni telematiche.»
«Alle nove ucciderò Giulia.»
«Avevi detto alle 9.15, cazzo. E' quanto basta per averla.»
Antonio sbatté la cornetta.
«Apri. - Disse poi a Giuseppe. - Ma sta' attento. Non voglio scherzi. Quella donna è capace di tutto.»
Giuseppe tolse il chiavistello con la babutschka in mano e aprì piano la porta quanto bastava per tirare dentro la cameriera e richiudere subito. La ragazza teneva orizzontale, come se fosse un vassoio, una valigetta Louis Vuitton di una certa dimensione.
«Aprila.» - disse Longoni a Giuseppe.
Questo aprì con attenzione le due chiusure e alzò il coperchio. Vide che era piena di dollari e si tirò indietro per far vedere a Longoni. Questo si avvicinò. Mise le mani nel contenuto provando un evidente piacere a toccare tutti quei soldi.
Mi trovai a osservare la cameriera da dietro. Era giovane e carina, capelli biondi evidentemente finti, gambe particolarmnete gradevoli. Le natiche, tuttavia, tradivano una certa muscolatura che guizzava sotto la pelle. Non sembrava una delle migliori ragazze del Folichon, ma era una cameriera. E poi era comprensibilmente in tensione. Portava i tacchi a spillo con una certa difficoltà, perché non si reggeva bene in piedi. Le stavo appunto guardando le caviglie, quando la vidi scendere dalle scarpe d'argento coi tacchi. Il resto accadde in un baleno.
Non appena a piedi nudi divaricò le gambe e in un attimo le spuntò in mano una Beretta calibro nove corto. Con calma e sicurezza sparò due colpi ad Antonio Longoni e con rapida successione ne sparò altri due a Giuseppe. Giulia cacciò grida disperate per i colpi, che al chiuso rimbombarono come cannonate, e per la scena di morte che ne era seguita. Io vidi, quasi in stato di shock, che i due giacevano a terra agonizzanti in una pozza di sangue che si allargava sempre di più. Entrambi erano stati colpiti al petto e alla testa.
Noi, ammanettati, non potemmo che stringerci reciprocamente spinti dallo shock.
La ragazza si chinò e raccolse i quattro bossoli. Li mise nella valigetta insieme alla Beretta ancora fumante, si tolse la parrucca bionda e vi gettò anche quella. Poi la richiuse. Solo allora si girò per venire da noi.
Era Geneviève. Senza occhiali a specchio e così conciata, non l'avrei mai riconsciuta. Mi guardò in viso con uno sguardo di fredda soddisfazione. Prese dal taschino della giacca delle chiavi e me le gettò.
Restituii lo sguardo a Gène. Per la prima volta le vedevo gli occhi.
«Grazie.» - Dissi.
Non doveva essere abituata alla gratitudine, perché accennò anche lei una smorfia che poteva essere tranquillamente scambiata per un sorriso.
Aprii le manette.
«Via, via, via!» - Gridai a Giulia che finalmente reagì scappando.

(Continua)
Precedenti

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni