Home | Miss | Miss Italia 2018 | San Vigilio di Marebbe incorona reginetta Giulia Auer

San Vigilio di Marebbe incorona reginetta Giulia Auer

La diciottenne studentessa bolzanina ha saputo conquistare pubblico e giuria ed è stata eletta Miss Miluna Trentino Alto Adige 2018

image

>
Oltre duemila persone in un affollatissimo anfiteatro manifestazioni a S.Vigilio di Marebbe, domenica 5 Agosto per l’organizzazione dell’associazione turistica si è conclusa la prima finale del Festival Talent, nonché la seconda finale regionale del Concorso Nazionale Miss Italia Trentino Alto Adige 2018 dedicata all’elezione di Miss Miluna Trentino Alto Adige.
 
Lo spettacolo, aperto dal saluto del Presidente dell’Associazione Turistica Werner Call, è stato presentato da Sonia Leonardi, impeccabile regista ed organizzatrice di Miss Italia in Trentino Alto Adige da oltre 15 anni ha visto protagonista assoluta l’attesissima madrina della serata, Alice Rachele Arlanch, incoronata Miss Italia l’11 settembre 2017 a Jesolo.
 

 
Ad aprire la serata la passerella della bella Miss Italia e co-conduttrice della serata Alice Rachele Arlanch che, una volta sul palco, si è emozionata nel ricordare ciò che Miss Italia, nel corso di questo anno magico, le ha saputo regalare: Alice Rachele, infatti, ha avuto la grande occasione di recitare nella fiction televisiva Don Matteo, parte che le ha fatto vincere il premio rivelazione Anna Magnani. 
 
La bella Alice Rachele infatti, spronata da Sonia a vincere le sue insicurezze, l’anno scorso decide così di iscriversi al Concorso: partecipa e vince la sua prima sfilata al «Valcanover Village» e, successivamente, partecipa e vince anche quella a Cortina sulla Strada del Vino. 
 
Dopo aver conquistato il gradino più alto del podio, Alice Rachele prosegue poi il suo percorso ottenendo così numerosi successi e raggiungendo l’importante titolo di Miss Trentino Alto Adige, titolo che l’ha portata alle Finali Nazionali di Jesolo e poi ad essere eletta Miss Italia 2017.
 

 
La numerosa giuria, formata da autorità del posto tra cui la pluricampionessa di sci Manuela Moelgg e presieduta da Tamara Tavella Call, albergatrice di S.Vigilio di Marebbe, ha valutato nel corso della serata le diverse ragazze in gara, decretando con un brindisi firmato Inkino Mas dei Chini, Miss Miluna Trentino Alto Adige, Giulia Auer diciottenne studentessa bolzanina già eletta Miss Millenium che, grazie alla sua bellezza esotica e sorriso contagioso, ha saputo sagacemente conquistare pubblico e giuria.
 
Giulia, assieme ad altre otto ragazze rappresenterà il Trentino Alto Adige alle Prefinali Nazionali di Jesolo dal 3 al 7 di Settembre per tentare di rientrare nelle 30 ragazze che accederanno alla Finale Tv in onda su La7 il 16 Settembre, presentata anche quest’anno dal simpaticissimo Francesco Facchinetti.
 
Il make-up è stato affidato alle esperte mani della make-up artist Giusy Acunzo del Salone New Esthetic di Trento che, grazie alla sua professionalità, ha saputo esaltare al meglio la naturale bellezza delle miss, mentre l’hair look delle ragazze è stato curato dallo Staff del Salone Nello di S.Vigilio che, con grande competenza, ha saputo valorizzare al meglio le candidate al titolo.
 

 
Molto apprezzato il momento moda, con la presentazione delle creazioni delle studentesse del Centro Moda Canossa di Trento, nonché le esibizioni canore e interventi ballati, proposti per la sezione dedicata al Festival Talent Show che da 5 anni tocca le più belle località della nostra Regione. 
 
Abbiamo potuto infatti apprezzare l’esibizione di ballo moderno delle giovani Gaia Filippi ed Arianna Avi, quella canora della vincitrice di Rovereto Debora Anzilli nonché le esibizioni di ballo latino americano di Jaqueline Pichler e Manuel Walzl del Lunika Dance Club di Lagundo e quella di danza moderna acrobatica delle allieve di Tiziana Semeraro del Flic Flac Val di Cembra.
I talenti qualificati, accederanno alla finalissima di Brusago-Pinè il 23 Agosto.
Divertente anche il momento di gioco offerto da Rotalnord che ha visto protagonista Alice Rachele Arlanch assieme al pubblico dei più piccoli.
 

 
Il Concorso, negli anni, ha subito importanti cambiamenti: Patrizia Mirigliani, la Patron, ha modificato l’età massima di iscrizione delle aspiranti Miss, aprendo così la selezione anche alle ragazze classe ’88, alle cosiddette «Nuove Italiane» nate nel Belpaese ma non ancora in possesso di cittadinanza, e alle ragazze curvy. 
 
E’ proprio questo impegno e continua innovazione a rendere Miss Italia il Concorso per eccellenza, la competizione più affascinante capace di lasciare alle concorrenti un magnifico ricordo e soprattutto la voglia di mettersi in gioco.
Ricordiamo le altre Finali Regionali: 7 agosto Bocenago, 8 agosto Andalo, 9 agosto Vallarsa, 11 agosto Fiera di Primiero, 16 agosto Gais (Bz), 17 agosto Vermiglio.
 
La finalissima Regionale del Concorso Nazionale Miss Italia per eleggere Miss Trentino Alto Adige sarà ospitata anche quest’anno in Alto Adige e precisamente nella suggestiva ed elegante Piazza Duomo di Bressanone domenica 19 agosto.
Per la finale nazionale vi aspettiamo in diretta su LA7, il 16 settembre, data in cui il simpaticissimo Francesco Facchinetti, incoronerà la nuova Miss Italia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone