Home | Esteri | Libia | «Odyssey Dawn»: La guerra di Libia continua, in «ordine sparso»

«Odyssey Dawn»: La guerra di Libia continua, in «ordine sparso»

Al quinto giorno di guerra e la situazione è piuttosto ingarbugliata Finora nessuna unità di comando. Nuovo bollettino militare

image

Siamo al quinto giorno di guerra con la Libia e la situazione è piuttosto ingarbugliata.
Anzitutto, per quanto voglia dire il Presidente Napolitano, si tratta di una guerra. Qualsiasi siano le motivazioni che ci hanno portato fin qui, si tratta di scontri armati finalizzati a ottenere con la forza qualcosa che con la diplomazia non si è riusciti a ottenere.
Napolitano insiste col dire che non si deve fare allarmismo e noi crediamo di non farne affatto. Dire come stanno le cose fa parte del nostro lavoro.

Più di una persona ci ha chiesto «cosa stiamo facendo il Libia», dato che eravamo il Paese privilegiato, quello che aveva sottoscritto con Gheddafi accordi di normalizzazione e di forniture avvantaggiate.
A tutti abbiamo risposto che si deve sempre stare a fianco dei propri alleati, anche nelle decisioni difficili.
È chiaro che la Francia non aveva gli stessi vantaggi che avevamo noi con la Libia, ma non solo era doveroso rispondere all'appello dell'ONU, ma era anche fondamentale tenere sotto controllo una guerra che ci vede vicinissimi per motivi storici, ma anche geografici.

Quest'anno, per ironia della sorte che non risparmia mai queste assurde coincidenze, ricorre il centesimo anniversario della Campagna di Libia del 1911.
Allora il paese era contrario, ma Giolitti lo aveva ritenuto necessario per evitare che altre potenze europee si impadronissero dell'ultimo stato rimasto alla Turchia al di qua dell'Egitto.
Certo è che, contrariamente a quanto va a dire in questi giorni Gheddafi, la Libia non ha mai sconfitto l'Italia.
In occasione degli accorti sottoscritti con Gheddafi, avevamo scritto articoli sulle vicende coloniali italiani.
Chi volesse rinfrescare la memoria, può trovarli tramite questo link.

Per tornare ad oggi, ricordiamo che l'Italia contribuisce alle operazioni della coalizione rendendo disponibili sette basi aeree e fornendo l'impiego diretto di alcuni assetti aerei.
Le attività in atto sono rivolte alla protezione dei civili in ossequio alla risoluzione 1973 del 17 marzo 2011 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
Non è stata definita la responsabilità di comando alleato e questo è fonte di attrito internazionale. La Francia vorrebbe dirigere le operazioni, mentre gli altri stati (in testa a tutti l'Italia) vogliono che intervenga la Nato, che ha una sua consolidata esperienza proprio nella guida di molti paesi occidentali in missioni di guerra comuni.

Nella giornata odierna l'Aeronautica Militare italiana ha condotto le seguenti attività.
Alle ore 11.00 circa sono decollati, dalla base di Trapani, due F-16 (con funzioni di difesa aerea e scorta) e tre Tornado (nella foto), due dei quali ECR (Electronic Combat Reconnaissance) e un Tornado Tanker con funzioni di rifornimento in volo (AAR - Air-to-Air Refuelling).
Il Tornado Tanker è rientrato alla base dopo aver rifornito gli altri aerei in volo.
Gli altri quattro velivoli hanno proseguito verso l'area assegnata, facendo ritorno alle 13.10 circa.

Alle 11.30 circa sono decollati, sempre dalla base di Trapani due F-16 e tre Tornado.
I velivoli hanno effettuato una missione analoga alla precedente, rientrando in base alle 13.40 circa.

In aggiunta alle missioni svolte dai velivoli dell'Aeronautica Militare in ambito coalizione, le Unità navali della Marina Militare sono in navigazione nell'area sud e cooperano altresì con gli assetti dell'Aeronautica per il controllo e la difesa dello spazio aereo nazionale.
Nel Canale di Sicilia sono anche presenti la nave rifornitrice Etna ed il pattugliatore di squadra Borsini, che sta svolgendo la missione di vigilanza pesca e controllo dei flussi migratori.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni