Home | Esteri | Libia | «I profughi sono a Cadine e li aiutiamo a inserirsi nella comunità»

«I profughi sono a Cadine e li aiutiamo a inserirsi nella comunità»

Lo hanno detto il presidente Dellai e l'assessore Rossi rispondendo a una nostra domanda in tal senso

Essendo a conoscenza che i profughi provenienti dall'Africa sono stati sistemati in una serie di abitazioni di Cadine, a ciò appositamente destinate dalla Provincia, abbiamo chiesto al presidente Dellai se la sistemazione fosse transeunte o se fosse una tappa intermedia per un successivo trasferimento in altre località del Trentino.
«No, - ci ha risposto. - Rimangono lì e facciamo il possibile per tenerli insieme. Crediamo che sia meglio per loro e più semplice per noi che vogliamo dotarli di una cerca istruzione, come ad esempio imparare la lingua italiana. Quando i posti saranno terminati, sistemeremo i prossimi altrove.»

Sono pienamente liberi di muoversi come cittadini italiani. E poiché alcuni di loro hanno il permesso provvisorio di un anno, quello contestato dai paesi vicini all'Italia, abbiamo chiesto cosa accadrà quando scadranno.
«Non dipende assolutamente da noi - ci ha risposto Dellai. - Noi ci limitiamo a dare vitto e alloggio (oltre, come detto, a una prima istruzione di base) ma il resto dipende da loro stessi se vogliono andare all'estero, o dal Ministero dell'Interno se vuole prendere altri provvedimenti.»

«È più che normale quello che stiamo facendo per i profughi - ha aggiunto l'assessore Ugo Rossi, cui fa riferimento la problematica. - Rispetta una procedura già prevista e adottata anche in passato per altri profughi. I quali oggi si sono inseriti bene nella nostra società, lavorando, sposandosi e facendo figli.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone