Home | Sapori | La grande cucina di Putortì | La grande cucina dell'Adigetto.it – Di Massimiliano Putortì/ 33

La grande cucina dell'Adigetto.it – Di Massimiliano Putortì/ 33

Un gran piatto per Pasqua: Gnocchi verdi con fonduta al casolet e speck croccante

image
  GNOCCHI VERDI CON FONDUTA AL CASOLET E SPECK CROCCANTE   
 Ingredienti per 4 persone 
1 kg di pane raffermo tagliato a cubetti
500 g di spinaci freschi o erbette
100 g di farina
50 g di grana grattugiato
3 uova
½ litro di latte
200 g di casolet
150 g di speck
50 g di burro
salvia
sale q.b.
 Procedimento  
Bagniamo il pane con il latte caldo e lasciamo riposare per circa due ore.
Aggiungiamo gli spinaci (o erbette) precedentemente lessati, quindi scolati e tritati.
Uniamo il grana, le uova, la farina e un pizzico di sale e amalgamiamo bene il tutto, e lasciamo riposare in frigorifero per circa venti minuti.
Intanto facciamo fondere il casolet con poco latte a fuoco basso,otterremo così una cremina densa.
Tagliamo a listarelle lo speck e lo facciamo seccare in forno per dieci minuti.
Prepariamo gli gnocchi aiutandoci con due cucchiai da minestra formando delle quenelle e cuociamo in acqua bollente salata.
Appena salgono a galla scoliamo e saltiamo i nostri gnocchi nel burro caldo con una foglia di salvia.
Versiamo sul fondo del piatto un cucchiaio di fonduta al casolet e adagiamo sopra i nostri gnocchi e decoriamo con lo speck croccante.
 Consiglio di Max  
Potete sostituire gli spinaci con qualsiasi altro tipo di verdura a foglia che vi piace come le biete, le erbette, le foglie di ravanello (ottime), la lattuga, radicchio rosso ecc.
Il vino che consigliamo per questo piatto è il Muller Thurgau della Cantina Endrizzi.


 Massimiliano Putortì  

Come vuole la nostra tradizione, Massimiliano non è uno chef «stellato», anzi è un cuoco semplice, cui piace fare il suo mestiere con passione.
Il suo maestro è stato Mario Giovanella, un grande chef trentino che - come dice lo stesso Massimiliano - gli ha insegnato davvero tanto: «Per me è uno degli chef trentini, della tradizione trentina, più bravi che ci siano».
 
Ha lavorato al Ristorante Chiesa dal 2002 al 2006, anno in cui è passato al Party Service (sempre targato Chiesa), dove si occupava del servizio catering, cosa che ha fatto fino allo scorso dicembre 2010.
Con l'anno nuovo ha deciso di voltare pagina e fare una scelta di vita, avendo una moglie e una bimba di due anni e mezzo. E poiché la sede della Party Service si é trasferita fuori dalla città di Trento, ha colto al volo l'occasione di lavorare presso l'istituto Salesiano di Don Bosco a Trento.
«Adesso faccio da mangiare per i ragazzi della scuola media e... sono felice.»
 
Tra le sue esperienze «stellate» (gli piaccia o no, ne ha anche lui) nel 2007 ha cucinato nel palazzo della Provincia per il presidente del Mozambico Emilio Armando Guebuza e il presidente Dellai, in occasione della visita ufficiale a Trento.
Nel settembre 2010 ha preparato colazione e cena al Castello del Buonconsiglio per Lech Walesa, premio nobel per la pace ed ex premier polacco.
Ma gli è capitato anche di cucinare per qualche personaggio famoso come Paolo Villaggio, o per dei campioni del ciclismo come Moser, Gimondi, Bugno, Simoni, Bettini, Fondriest, Motta...



Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone