Home | Esteri | Libia | Combattimenti a Bengasi: uccise 80 persone, ferite altre 150

Combattimenti a Bengasi: uccise 80 persone, ferite altre 150

Scatenata una dura battaglia tra un esercito paramilitare e bande di terroristi islamici

image

Khalifa Haftar, l’ex generale libico in pensione che si è messo a capo di un esercito tutto suo, ha attaccato a Bengasi quelle che lui ha definito bande di terroristi islamici.
Ne è seguita una vera e propria battaglia che ha portato alla morte di un’ottantina di persone e al ferimento di altri 150.
Poiché Haftar si è mosso di sua volontà, il governo e il parlamento libici hanno preso le distanze dal generale e ha denunciato l’iniziativa come un vero e proprio colpo di stato.
Comunque la si voglia vedere, la situazione sembra fuori controllo, perché si stratta di uno scontro a fuoco tra un esercito non regolare e delle bande armate.
 
Lo scorso 5 marzo avevamo pubblicato un lungo e approfondito promemoria sulla situazione libica, proprio per denunciare da una parte l’instabilità della Libia del dopo Geddafi e dall’altra le prospettive internazionali e il possibile ruolo dell’Italia.
L’articolo, a firma di Gabriele Iacovino (vedi), denunciava come fossero sorti nell’intero paese 300 gruppi di combattenti usciti dal controllo delle istituzioni libiche.
Tra queste, venivano indicate anche le cosiddette «forze scudo», che sono sempre state apprezzate dalla popolazione libica in quanto autrici anche di azioni caritatevoli e di giustizia.
«Negli ultimi tempi tuttavia – scriveva Iacovino, – la Forza scudo ha assunto sempre maggiori poteri, soprattutto nell’area di Bengasi.»
E non escludeva infatti l’eventualità che ne uscisse una guerra vera e propria come quella registrata oggi.
 
In tutta questa faccenda, l’Italia non può ritenersi fuori. Non solo perché la Libia è al centro del suo sistema di approvvigionamento energetico, ma anche, e soprattutto, per la gestione dei traffici illegali, soprattutto di esseri umani, provenienti dalla Libia.
Ora si aggiunge la necessaria prevenzione della minaccia terroristica.
Come sappiamo, il nostro Paese ha addestrato le forze di sicurezza libiche e sta collaborando per trovare una soluzione verso la stabilizzazione di Tripoli.
La caduta del regime di Gheddafi ha dato libero sfogo a tutte quelle istanze autonomiste che per troppo tempo sono state soffocate dalla repressione. E forse è giunto il momento di esportare e mettere in atto non solo l'addestramento militare ma anche la scuola di democrazia e tolleranza che siamo riusciti a consolidare nel nostro Paese.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone