Home | Rubriche | Psiche e dintorni | Genitori separati, vacanze difficili? – Di G. Maiolo, psicanalista

Genitori separati, vacanze difficili? – Di G. Maiolo, psicanalista

Cosa fare per evitare che le vacanze si riempiano di veleni tossici per tutti

image

>
In questo periodo si compie il rito della vacanza e per la gran parte dei genitori è l’occasione per uscire dagli schemi quotidiani e stare con i figli un tempo meno convulso e frenetico.
In modo particolare lo è per i genitori separati che durante le ferie possono avere l’opportunità di stare insieme senza fretta e una piacevolissima occasione per approfondire la comunicazione e migliorare il rapporto.
Invece a volte sono motivo di tensione tra i partner, soprattutto quelli che non hanno ancora composto le loro divergenze e ridotto le vecchie tensioni di coppia. Oppure possono riaccendere vecchi conflitti mai del tutto sopiti.
Le vacanze allora si riempiono di veleni tossici per tutti.
Si innescano discussioni infinite solitamente perché la vacanza dei figli con il genitore non affidatario va a rompere un equilibrio delicato raggiunto durante tutto il tempo dell’anno.
Complice ne è la distanza che, ad esempio, riduce il controllo della situazione, ma dell’ex partner.
Spesso il genitore rimasto a casa si sente escluso, senza possibilità di intervenire né verificare come vanno le cose e i sentimenti di esclusione posso far emergere quote di emozioni negative, tra cui la gelosia e l’aggressività violenta
 
Una questione non di poco conto per avvelenare il clima vacanziero è data dalla presenza del nuovo compagno o della nuova compagna.
Qui la fantasia e le ansie di abbandono nel genitore distante, galoppano.
Chi rimane a casa senza il figlio teme che l’esperienza con la «nuova famiglia» sia negativa e che il bambino possa trovarsi male o non avere il supporto affettivo del genitore.
Oppure si preoccupa che il figlio possa affezionarsi al compagno o alla compagna dell’altro.
Queste paure sono consistenti e possono essere espresse sotto forma di lamentele, ripicche o rimproveri che elevano la tensione.
Di solito sono accuse che riguardano lo stile di vita, l’alimentazione, la sicurezza del figlio.
Per la verità sono pretesti, perché in genere non hanno alcun fondamento reale e rimandano alle difficoltà di comunicazione e di negoziazione che continuano ad essere presenti nella coppia genitoriale.
 
Il problema è che i figli vivono questi rinnovati conflitti, se mai si erano sopiti, come una colpa.
Soprattutto se piccoli, pensano di essere loro siano i responsabili e assumono spesso un atteggiamento particolare: non raccontano al genitore distante come vanno realmente le cose, magari non esprimono il loro entusiasmo per la vacanza che stanno vivendo o addirittura mentono dicendo il contrario di quello che avviene, per paura di ferire o incrementare la tensione nella coppia.
Invece potrebbe essere utile per tutti sfruttare la vacanza per migliorare le relazioni.
Sarebbe per esempio molto importante per i figli, per la loro esperienza di crescita e di sviluppo, vedere entrambi i genitori essere sereni e capaci di collaborare in questa occasione e vivere serenamente, senza angoscia e rabbia la vacanza del figlio.
 
Nella coppia, dare spazio all’altro genitore, a quello che va in ferie con i figli, potrebbe voler dire comunicare al bambino che i genitori possono ancora avere un’intesa e che c’è fiducia tra loro.
Questo permette al bambino di contenere il disagio che, in genere, appartiene a tutti i figli di separati, anche se non lo dicono.
Non accade nulla di strano né vi è pericolo per la salute se per un certo tempo il figlio vivrà in modo diverso dal solito o mangerà altre cose che a casa di solito non mangia.
Potrebbe poi essere utile a tutti fare in modo che la comunicazione del figlio con il genitore rimasto a casa non si interrompa, ma rimanga costante e capace di esprimere realmente quello che sta avvenendo in vacanza.
Stimolare il bambino a scegliere un regalo da portare al rientro a mamma o papà che sono rimasti a casa, può essere una cosa che aiuta chi è stato distante a non sentirsi dimenticato e a volte anche utile per ridurre la tensione o la conflittualità ancora presente negli ex partner.
E non è cosa da poco!
 
Giuseppe Maiolo - giuseppe.maiolo@unibz.it - Precedenti
Psicoanalista di formazione junghiana, scrittore e giornalista, specialista in clinica dell’adolescente.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone