Home | Rubriche | Psiche e dintorni | I ragazzi dicono NO! al bullismo – Di Giuseppe Maiolo

I ragazzi dicono NO! al bullismo – Di Giuseppe Maiolo

Secondo l’ISTAT i comportamenti offensivi e violenti fra i giovani e i giovanissimi nel 2014 ha visto vittime più del 50% degli adolescenti tra gli 11 e 17 anni

image

>
«Ma basta!»
Finalmente qualcuno lo dice. E questa volta sono i ragazzi e le ragazze, gli adolescenti decisamente stanchi di vedere atti di sopruso e violenza, minacce e offese fisiche ma anche verbali, derisioni e calunnie.
MABASTA è l’acronimo di una pagina Facebook che un gruppo di giovani di Lecce ha aperto qualche giorno fa sul Social più famoso, per fare rete con altri ragazzi e contrastare quello che è diventata ormai una piaga sociale: il bullismo e il cyberbullismo.
Una sorta di virus che sta colpendo i giovani in modo impressionante e, a giudicare dai dati, in continua espansione.
Secondo l’ISTAT infatti, i comportamenti offensivi e violenti fra i giovani e i giovanissimi nel 2014 ha visto essere vittime più del 50% degli adolescenti tra gli 11 e 17 anni.
Quasi il 20% è bersagliato costantemente dai bulli ed è oggetto di soprusi e prepotenze di ogni tipo che si sviluppano con la diffusione massiccia dei dispositivi di comunicazione.
 
Oggi infatti la forma di prepotenza che si sta diffondendo maggiormente è quella che si sviluppa in rete.
Il cosiddetto Cyberbullismo prolifera e si espande sul web e diviene un fenomeno preoccupante perché in molti casi conduce alla più totale disperazione perché le vittime esasperate e inchiodate dalle offese, per lo più non sanno come difendersi e come uscire dal tunnel.
Purtroppo alcune, come sappiamo dalle cronache, non ne escono se non in modo drammatico.
I tentati sucidi e casi di giovani che si tolgono la vita in quanto incapaci di far fronte alla diffamazione e alle calunnie, sta a dimostrare quanto il fenomeno di oggi rischi di espandersi e divenire in poco tempo un’emergenza.
 
E allora BASTA!
È bene che siano i giovani a dire, con le loro parole e con il loro linguaggio diretto, che è ora di reagire e difendersi.
Serve una rete, più che mai una rete virtuale di appoggio e di sostegno dove si possa dire di questo «tumore» che devasta e non aiuta allo sviluppo.
Dove ci si possa sostenere e prendere coscienza del fatto che per difendersi c’è bisogno di mettersi insieme, parlare e far sentire la propria voce, aiutarsi comunicando il pericolo e aiutare chi è in difficoltà.
 
Uscire dal silenzio, si direbbe. Perché spesso, se non sempre e come in ogni forma di violenza, anche il bullismo si alimenta con il silenzio delle vittime e quello di chi vede e assiste ai soprusi e alle umiliazioni.
Se non meraviglia l’omertà di chi è ferito, perché afflitto dalla vergogna e dalla paura, colpisce e ferisce ancora di più il silenzio di quelli che vedono e non dicono, degli spettatori silenziosi, che non aiutano, ma viceversa esercitano pure loro violenza perché colpiscono a loro volta la vittima.
Ben venga allora una pagina di un Social o un blog gestito dai ragazzi, magari uno o mille gruppi WhatsApp con l’obbiettivo di sostenersi reciprocamente e segnalare immediatamente il pericolo a chi di dovere, di aiutare la vittima a parlare e non richiudersi in un angolo.
È di grande importanza così dare rilievo a queste iniziative che nascono dai giovani, come è stato fatto in questi giorni dai media che hanno portato alla ribalta l’idea e la voce degli studenti che hanno ideato il progetto.
 
Ma è altrettanto importante riconoscere che questo è anche il segnale del fallimento educativo degli adulti che non sono stati in gradi di proteggerli a sufficienza, la cui presenza significativa molto spesso è mancata in famiglia come a scuola.
Non si tratta di colpevolizzare genitori e insegnanti, ma il bullismo sta dilagando e trova terreno fertile nel web anche perché ormai da un bel po’ di tempo è venuta a mancare la funzione normativa dell’adulto che non sa porre limiti e confini e si rende latitante sul piano educativo.

Giuseppe Maiolo
www.officina-benessere.it

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone