Home | Rubriche | Psiche e dintorni | I ragazzi dicono NO! al bullismo – Di Giuseppe Maiolo

I ragazzi dicono NO! al bullismo – Di Giuseppe Maiolo

Secondo l’ISTAT i comportamenti offensivi e violenti fra i giovani e i giovanissimi nel 2014 ha visto vittime più del 50% degli adolescenti tra gli 11 e 17 anni

image

>
«Ma basta!»
Finalmente qualcuno lo dice. E questa volta sono i ragazzi e le ragazze, gli adolescenti decisamente stanchi di vedere atti di sopruso e violenza, minacce e offese fisiche ma anche verbali, derisioni e calunnie.
MABASTA è l’acronimo di una pagina Facebook che un gruppo di giovani di Lecce ha aperto qualche giorno fa sul Social più famoso, per fare rete con altri ragazzi e contrastare quello che è diventata ormai una piaga sociale: il bullismo e il cyberbullismo.
Una sorta di virus che sta colpendo i giovani in modo impressionante e, a giudicare dai dati, in continua espansione.
Secondo l’ISTAT infatti, i comportamenti offensivi e violenti fra i giovani e i giovanissimi nel 2014 ha visto essere vittime più del 50% degli adolescenti tra gli 11 e 17 anni.
Quasi il 20% è bersagliato costantemente dai bulli ed è oggetto di soprusi e prepotenze di ogni tipo che si sviluppano con la diffusione massiccia dei dispositivi di comunicazione.
 
Oggi infatti la forma di prepotenza che si sta diffondendo maggiormente è quella che si sviluppa in rete.
Il cosiddetto Cyberbullismo prolifera e si espande sul web e diviene un fenomeno preoccupante perché in molti casi conduce alla più totale disperazione perché le vittime esasperate e inchiodate dalle offese, per lo più non sanno come difendersi e come uscire dal tunnel.
Purtroppo alcune, come sappiamo dalle cronache, non ne escono se non in modo drammatico.
I tentati sucidi e casi di giovani che si tolgono la vita in quanto incapaci di far fronte alla diffamazione e alle calunnie, sta a dimostrare quanto il fenomeno di oggi rischi di espandersi e divenire in poco tempo un’emergenza.
 
E allora BASTA!
È bene che siano i giovani a dire, con le loro parole e con il loro linguaggio diretto, che è ora di reagire e difendersi.
Serve una rete, più che mai una rete virtuale di appoggio e di sostegno dove si possa dire di questo «tumore» che devasta e non aiuta allo sviluppo.
Dove ci si possa sostenere e prendere coscienza del fatto che per difendersi c’è bisogno di mettersi insieme, parlare e far sentire la propria voce, aiutarsi comunicando il pericolo e aiutare chi è in difficoltà.
 
Uscire dal silenzio, si direbbe. Perché spesso, se non sempre e come in ogni forma di violenza, anche il bullismo si alimenta con il silenzio delle vittime e quello di chi vede e assiste ai soprusi e alle umiliazioni.
Se non meraviglia l’omertà di chi è ferito, perché afflitto dalla vergogna e dalla paura, colpisce e ferisce ancora di più il silenzio di quelli che vedono e non dicono, degli spettatori silenziosi, che non aiutano, ma viceversa esercitano pure loro violenza perché colpiscono a loro volta la vittima.
Ben venga allora una pagina di un Social o un blog gestito dai ragazzi, magari uno o mille gruppi WhatsApp con l’obbiettivo di sostenersi reciprocamente e segnalare immediatamente il pericolo a chi di dovere, di aiutare la vittima a parlare e non richiudersi in un angolo.
È di grande importanza così dare rilievo a queste iniziative che nascono dai giovani, come è stato fatto in questi giorni dai media che hanno portato alla ribalta l’idea e la voce degli studenti che hanno ideato il progetto.
 
Ma è altrettanto importante riconoscere che questo è anche il segnale del fallimento educativo degli adulti che non sono stati in gradi di proteggerli a sufficienza, la cui presenza significativa molto spesso è mancata in famiglia come a scuola.
Non si tratta di colpevolizzare genitori e insegnanti, ma il bullismo sta dilagando e trova terreno fertile nel web anche perché ormai da un bel po’ di tempo è venuta a mancare la funzione normativa dell’adulto che non sa porre limiti e confini e si rende latitante sul piano educativo.

Giuseppe Maiolo
www.officina-benessere.it

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone