Home | Sapori | Vini vicini al Trentino | Le bollicine del Belpaese tra Italia ed export

Le bollicine del Belpaese tra Italia ed export

I brindisi delle festività 2016-2017 valgono 510 milioni di euro in Italia

I brindisi delle festività 2016-2017 valgono 510 milioni di euro in Italia, tra consumi domestici e fuori casa, di cui 440 appannaggio delle sole bollicine made in Italy.
Un aumento leggero, dell’1%, sulla fine anno 2015, ma con una tendenza che emerge chiara, ovvero lo spostamento del gusto su «vini dal sapore più secco e meno alcolico», sia per i metodo classico che per i metodo charmat.
Nei giorni di festa, si stapperanno in totale 58,5 milioni di bottiglie, di cui solo 2,9 straniere, con i picchi di consumo di 10,5 milioni di bottiglie in occasione del Natale, 34 nell’ultima notte dell’anno e 3,5 per la Befana.
In totale il 40% dei consumi dell’intero anno, con la stagionalità e le festività che tornano a incidere in modo significativo.
Solo Prosecco e Franciacorta mantengono un trend di crescita dei consumi e una destagionalizzazione consolidata. Valori stabili in cantina (+0,1/0,4% sul 2015), valori in crescita al consumo (+1,2/1,8% sul 2015).
 
Ecco, in estrema sintesi, i numeri dell’Osservatorio Economico dei Vini Effervescenti (Ovse, www.ovse.org) guidato da Giampietro Comolli.
Nello stesso tempo, l’export degli spumanti italiani chiuderà il 2016 arrivando al record di 1,2 miliardi di euro (+25% sul 2015).
La Francia, invece, dovrebbe attestarsi sui 2,7 miliardi, ma in leggera flessione (-1%), e la Spagna a 415 milioni di euro (-3%).
A dirlo il bilancio di fine anno di Wine Monitor Nomisma, che nei giorni in cui si brinda a Natale e Capodanno, disegna lo stato dell’arte delle esportazioni del Belpaese paragonate a quelle dei principali competitor.
 
«Pur restando ampio il divario in valore (circa 1,5 miliardi di euro), nel 2016 le esportazioni di spumanti italiani continuano a ridurre le distanze con quelle francesi, mettendo a segno una crescita a valore superiore al 25%, sulla scia della crescita per i primi sette mesi di quest’anno, come anche segnalato dall’Osservatorio del Vino di cui Wine Monitor è partner», – si legge in una nota.
Neanche a dirlo, dicono i numeri, gran parte del merito è del Prosecco.
E proprio oggi il Consorzio del Prosecco Doc fa sapere che, per la prima volta nella storia, sono di più le bottiglie vendute in Uk, che assorbe il 43% delle esportazioni, di quelle comprate dagli stessi italiani.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone