Home | Sapori | Vini, spumanti e grappe | Stimate in crescita le vendite di vino nel mondo nei prossimi anni

Stimate in crescita le vendite di vino nel mondo nei prossimi anni

Secondo l'ultimo report di Confcooperative, in 5 anni aumenteranno dell'82% le vendite di vino rosso in Cina, mentre negli Usa aumenterà la passione per le bollicine (+24,6%)

Le vendite nel mercato mondiale del vino continueranno a registrare performance ampiamente positive. È quanto emerge dal report realizzato dal Centro studi e Ufficio Internazionalizzazione di Confcooperative su elaborazione dati Euromonitor.
Complessivamente, nel periodo 2015/2020, per le vendite mondiali di vino rosso si prevede una crescita del 17,7% dei volumi di vendita (+10,4% l’incremento in valore).
Positive anche le stime per il vino rosé (+9,3% in volumi e +10,9% in valore) e per il vino bianco (+11,2% in volumi e 11,8% in valore) e i vini frizzanti (+15,4 in volumi e +16,9% in valore).
Continueranno a crescere, in particolare, i volumi di vendite di vino nel mercato statunitense, dove si stimano performance ampiamente positive per le vendite di bollicine con un aumento del 24,6% delle vendite.
Positivi anche i trend stimati per le vendite di vino rosso (+7,1%) e bianco (+9,9%).
 
Spostando l’attenzione sul mercato cinese, gli incrementi maggiori sono previsti per i vini rossi, dove i dati Euromonitor prevedono per i prossimi 5 anni un incremento in volume dell’82,4% e del 55,9% in valore. Bene anche il vino bianco (+34,2% in volumi) e il vino rosè (+34,2% in volumi).
Ricordiamo che l’Italia, con una produzione totale di 50,2 milioni di ettolitri, anche quest’anno ha superato la Francia, la cui vendemmia si è attestata intorno ai 43,2 milioni di ettolitri, con una produzione inferiore del 10% rispetto alla vendemmia 2015 e del -6% rispetto alla media degli ultimi cinque anni.
Complessivamente la vendemmia 2016, secondo i dati OIV, si è attestata sui 259,5 milioni di ettolitri di vino, con il raccolto quantitativamente più scarso degli ultimi 20 anni.
 
Questo il commento di Carlo Dal Monte, vice presidente delle cooperative agroalimentari di Confcooperative.
«Le cooperative vitivinicole hanno intensificato negli ultimi anni la loro spinta sull’export, aumentando la loro presenza sui mercati internazionali, facendo leva su fattori chiavi quali i volumi produttivi, le dimensioni aziendali e un know how strutturato che spesso le piccole aziende non possono vantare.
«Le stime che vedono in crescita nei prossimi cinque anni le vendite mondiali di vino è sicuramente una buona opportunità per le nostre imprese, che potranno capitalizzare al meglio la produzione vitivinicola nazionale, che ha mantenuto la leadership per il secondo anno consecutivo.»
 
Link al report completo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi