Home | Interno | Trento | «Che scuola bisogna fare per diventare sindaco?»

«Che scuola bisogna fare per diventare sindaco?»

Il Primo Cittadino a Cadine e Sopramonte e la visita alle scuole si trasforma in un «question time» per il sindaco Andreatta

image

>
E' stata una mattinata tra i banchi quella del sindaco Alessandro Andreatta, che ha iniziato la visita alla Circoscrizione del Bondone dalle elementari di Sopramonte e Cadine.
Tanti i progetti presentati dai bambini, tante le domande rivolte al sindaco: in entrambe le scuole, dove Andreatta è stato accompagnato dalla dirigente dell'istituto comprensivo Trento 6 Paola Pasqualin e dal presidente della Circoscrizione Domenico Fadanelli, gli incontri si sono trasformati in un vero e proprio «question time».
«Che scuola bisogna fare per diventare sindaco?», «Tu che scuole hai fatto?», «Il tuo lavoro è duro?», «Che squadra tifi?», «Hai mai visto sindaci femmine?», «Cosa ti piace e cosa non ti piace del tuo lavoro?» e via domandando.
Ma la parte più entusiasmante e, per certo versi, sorprendente è stata quella dedicata ai progetti delle scuole, entrambe molto attive, vivaci e aperte al territorio.
 
A Sopramonte, si va dal progetto accoglienza dei bambini bielorussi al gemellaggio con le scuole di Canelli, comune soccorso dai trentini in occasione dell'alluvione del 1994. E poi c'è la conoscenza delle istituzioni locali e nazionali: a questo proposito i bambini, hanno cantato un «Fratelli d'Italia» con un verso significativamente modificato («siam pronti alla vita», non «alla morte») e donato una riproduzione da lori dipinta dell'Aquila ardente di San Vecenslao.
A Cadine, i bambini hanno presentato un concerto di chitarre (I wish you were here), diretto dal maestro Michele Demozzi, un film sui «Promessi sposi» interpretato da loro in maniera tutt'altro che amatoriale, una rappresentazione teatrale dell'Odissea, il progetto robotica, il viaggio a Kempten, città gemellata.
«Siete bravissimi – ha detto il sindaco ai bambini – La vostra è una scuola che guarda all'esterno, che si occupa anche del territorio.»
E poi, sul gemellaggio con Kempten: «Proprio quest'anno festeggiamo i 30 anni della nostra amicizia. Il sindaco di Kempten verrà a trovarci in occasione delle Vigiliane, ad agosto andrò io da loro. Sono contento che anche voi partecipiate a questo bello scambio.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni