Home | Interno | Il legittimo allarme generato dagli appalti truccati a Roma

Il legittimo allarme generato dagli appalti truccati a Roma

Ispe-Sanita lancia un appello alle ASL/AO: una postazione anticorruzione in ogni struttura sanitaria

Nuovo caso di corruzione e turbativa di appalti nella sanità pubblica della capitale: ieri i carabinieri del Nas di Roma hanno arrestato nove tra dirigenti dell'Asl e imprenditori e altre dieci persone sono indagate per traffici di influenze e falso.
E che gli appalti pubblici siano una spina nel fianco del Servizio Sanitario nazionale, lo rilevava già l’indagine condotta da ISPE-Sanità, Trasparency International italia, Censis e RiSSC nel Rapporto 2016 «Curiamo la Corruzione», presentata nell’ambito della 1ª Giornata nazionale contro la corruzione in sanità.
Secondo lo studio condotto sul personale di oltre 250 aziende sanitarie, gli ambiti più a rischio sono proprio le gare d’appalto (82,7% degli intervistati) e la realizzazione di opere (66% del totale).
Quest’anno, in occasione della seconda Giornata Nazionale contro la Corruzione in Sanità, ISPE-Sanità lancia un appello alle ASL/AO: «installare una postazione anticorruzione», un’iniziativa simbolica ma al tempo stesso concreta, per esprimere il proprio impegno contro la corruzione.
Alla Giornata hanno già aderito l’Associazione Italiani dei Medici (AIM), il Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM) e il Segretariato Italiano Studenti in Medicina (SISM) e Cittadinanzattiva.
 
«Il fenomeno della corruzione - dichiara Francesco Macchia, Presidente ISPE-Sanità - va arginato agendo su più livelli. Sul piano poltico, si dia piena attuazione al nuovo codice degli appalti mentre, nei confronti dell’opinione pubblica, vanno attuate attività di sensibilizzazione che mirino a rafforzare la consapevolezza e la responsabilità individuali. Le iniziative sul territorio sono il cuore dell’attività di sensibilizzazione e il loro scopo è di consolidare le politiche anticorruzione già in atto nel presidio sanitario, mediante azioni tese a favorire la più ampia partecipazione.»
«In ciascuna struttura sanitaria aderente all’iniziativa – prosegue Macchia - si richiede di installare una postazione anticorruzione, presidiata e ben riconoscibile, gestita da volontari delle associazioni di professionisti dell’area sanitaria e delle organizzazioni di cittadini.»
Presso la postazione, sarà distribuito materiale informativo e saranno invitati i partecipanti a esprimere il proprio impegno contro la corruzione attraverso un’azione simbolica oppure a dare testimonianza di un esempio virtuoso nell’ambito del nostro SSN.
Integrità, merito e trasparenza nella Pubblica Amministrazione saranno i temi della seconda Giornata con un evento presso il Tempio di Adriano, con numerose attività sul territorio e una campagna social intorno ai quali ruoterà la partecipazione attiva dei cittadini, delle Istituzioni e di tutto il personale sanitario.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone