Home | Interno | Ambiente | MUSE, giovedì 23 marzo: «La Scienza nel quotidiano»

MUSE, giovedì 23 marzo: «La Scienza nel quotidiano»

Invasioni barbariche: i viaggi transcontinentali degli animali dall'antichità a oggi

image

Primo appuntamento, giovedì 23 marzo 2017, ore 20.45 con il ciclo di incontri La Scienza nel quotidiano, interventi che raccontano quanta scienza e ricerca si nasconda nella vita di tutti i giorni, nelle azioni e nelle situazioni quotidiane, anche quando meno te lo aspetti.
Gli eventi, in orario serale, sono organizzati dal MUSE in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach.
>

Il primo incontro vedrà la partecipazione di due entomologi della FEM: Valerio Mazzoni (esperto di bioacustica) e Paolo Fontana (specialista di api) che affronteranno il tema delle specie aliene invasive di interesse agricolo, urbano e forestale.
In particolare, si parlerà di cimice marmorata asiatica (Halyomorpha halys) e di calabrone asiatico (Vespa velutina), due insetti potenzialmente in grado di arrecare cospicui danni all'agricoltura (e non solo) e che stanno creando non poca preoccupazione tra i coltivatori locali.
La cimice, infatti, produce grandi aggregazioni e attacca numerose colture - erbacee e arboree - e in autunno si sposta in massa verso luoghi riparati per lo svernamento, incluse le abitazioni venendo a contatto con le persone.

Cimice asiatica.

La vespa, invece, è un fenomenale killer di api e può abbattere le popolazioni di un alveare nel giro di pochi giorni. Inoltre, ha dimensioni ragguardevoli, è piuttosto aggressiva e una sua puntura può risultare dolorosa e pericolosa.
Nel corso della serata, oltre alla presentazione delle caratteristiche di queste specie, verranno raccontati aneddoti storici legati alla loro diffusione e verrà presentata una app sviluppata dalla Fondazione Edmund Mach finalizzata alla segnalazione degli insetti sul territorio attraverso fotografie georeferenziate.
Messa a punto nell'ambito d una iniziativa di «Citizen Science» per il monitoraggio della cimice asiatica sul territorio trentino, la APP può essere installata gratuitamente sul proprio smartphone per segnalare la presenza dell'insetto, scattando una foto, rispondendo a poche domande e inviando la segnalazione.
Un team di esperti della FEM conferma la segnalazione e la carica in breve tempo sulla mappa dei rinvenimenti del Trentino, anche questa consultabile attraverso la APP.
La APP è già disponibile e scaricabile sia per Android sia per iPhone.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni