Home | Interno | Rovereto | Rovereto, operazione antidroga nella notte

Rovereto, operazione antidroga nella notte

Arrestate tre persone dai Carabinieri a Rovereto e Verona

Lunga serata per i Carabinieri di Rovereto che, a seguito di riscontri info-operativi delle ultime settimane, hanno capito che la droga viaggiava su rotaia ed hanno finalizzato una vasta operazione antidroga su Verona conclusasi poi con perquisizioni in Vallagarina.
Avevano acquistato più di 2 chilogrammi di marijuana e 23 grammi di cocaina un 22enne di Rovereto e un giovane albanese di soli 20 anni residente in Vallagarina, prima di essere arrestati ieri sera alla Stazione di Verona dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Rovereto, coadiuvati dai colleghi del posto, che già nel pomeriggio erano sulle loro tracce.
I due erano partiti al mattino con il treno pensando di tornare alla sera con la droga comprata fuori provincia, ma non sapevano di essere controllati dai Carabinieri della Compagnia di Rovereto che li hanno pedinati sino a Verona dove sono stati fermati e tradotti presso il carcere della Città Scaligera, dove saranno interrogati nelle prossime ore.
 
Ad attendere i due pendolari della droga, era rimasto alla stazione ferroviaria di Ala un  giovane albanese 22enne, pure lui residente in Vallagarina, che però sul treno ha trovato solo i Carabinieri.
A casa deteneva quasi un chilogrammo di marijuana e anche per lui sono scattate le manette ed è stato tradotto nella notte presso il carcere di Trento.
Solo denunciato invece un giovane roveretano di 25 anni che con la sua vettura aveva accompagnato uno di loro alla Stazione Ferroviaria e lo attendeva per riportarlo a casa.
Pensavano, forse, che i controlli alla Stazione di Rovereto fossero più intensi, per cui probabilmente avevano scelto di scendere due Stazioni prima, ad Ala per l’appunto, luogo meno frequentato ma a loro insaputa comunque vigilato dai Carabinieri della Stazione Alense.
 
È andato male quindi il Venerdì sera di chi aspettava la droga per sballare nella piazza roveretana senza sapere dei rischi che corre per la sua salute.
Si attenderanno ora le analisi di laboratorio commissionate dagli stessi Carabinieri che non hanno dubbi sulla qualità dello stupefacente sequestrato, dannoso per la salute considerato che nel tempo il principio attivo che questa contiene è di volta in volta sempre più alto e sempre più frequentemente ulteriormente potenziato e/o tagliato con sostanze chimiche costantemente più pericolose, se non addirittura con materiali di scarto/di risulta di lavorazioni industriali contenenti metalli pesanti o tossico-infettivi.
I Carabinieri sono convinti che queste operazioni antidroga di fine settimana contribuiscano anche a prevenire incidenti stradali per cui sempre più frequentemente sono costretti a intervenire al sabato sera proprio per l’assunzione di stupefacenti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni