Home | Arte e Cultura | Vita e Società | Acli inascoltate – Di Marco Ianes, presidente circolo Acli Gardolo

Acli inascoltate – Di Marco Ianes, presidente circolo Acli Gardolo

«Non lamentiamoci poi se sempre meno gente andrà a votare: ognuno raccoglie ciò che semina»

Quanto segue è il comunicato che il circolo Acli di Gardolo ha inoltrato alle redazioni a commento della bocciatura della proposta di legge Acli sui vitalizi ed indennità dei consiglieri regionali.
Il nostro giornale ha comunque già pubblicato il pragmatico commento a firma Maurizio D. Bornancin, disponibile a questo link.

La presidenza del circolo ACLI di Gardolo si è riunita in data 17/03/2017 e, di comune accordo, si è deciso di trasmettere un comunicato in merito alla recente vicenda relativa alla proposta di legge popolare presentata dalle ACLI in tema di vitalizi e indennità ai nostri consiglieri regionali. In sintesi, desideriamo ribadire quanto segue:
 
- La proposta di legge, peraltro partita proprio su proposta dello scrivente circolo Acli di Gardolo, ha raccolto oltre 10.000 firme di cittadini a sostegno dell’iniziativa, dando chiaro ed inequivocabile esempio che la democrazia partecipativa, su argomenti di interesse generale e trasversale, può trovare applicazioni e proposte molto interessanti e coinvolgenti per i beni comuni.
 
- La proposta di legge, che certamente poteva essere anche analizzata meglio dai consiglieri regionali ed emendata con integrazioni, non era assolutamente anticostituzionale, come asserito da qualche consigliere; e, comunque, se anche così fosse stato, ricordiamo che esistono gli strumenti per «emendare» una proposta di legge; strumento che gli stessi consiglieri conoscono e sanno utilizzare molto bene, quando a loro interessa farne uso.
 
- La proposta di legge non aveva certo la pretesa di risolvere problemi epocali, ma rappresentava una via fornita alla politica rappresentativa per riaprire il dialogo e il confronto, sempre più chiuso, con i cittadini comuni; poteva essere un primo grande e importante segnale di riavvicinamento tra la vita reale e la «casta degli eletti» che, sempre più, si ritengono, a nostro giudizio, degli intoccabili privilegiati, che predicano bene in fatto di risparmi e tagli sulla sanità, sul lavoro e sui servizi ai cittadini, ma sono tutti uniti nel mantenersi i privilegi che, riteniamo, siano assolutamente inconservabili e inopportuni per la situazione economica e politica attuale.
 
- Riteniamo, altresì, che i prossimi impegni elettorali imminenti nel 2018, riapriranno fortemente questi dibattiti e, come circolo Acli, terremo viva la discussione, sollecitando i futuri candidati alle prossime elezioni a prendere impegni chiari e in forma scritta, su evoluzioni dei tagli dei costi della politica che prendano in seria considerazione un adeguamento dei trattamenti economici dei rappresentanti politici regionali, più adeguato alla realtà e più rispettoso del senso del pudore.
 
- Riteniamo, inoltre, che la vicenda sia stata gestita, da parte del consiglio regionale, con enorme superficialità e presunzione; si poteva, ad esempio, aprire un tavolo politico serio, di discussione e confronto, esteso al territorio regionale per verificare realmente i sentimenti popolari sul tema; si è deciso, invece, di procedere alla votazione della legge senza considerare assolutamente l’impatto che la decisione di bocciatura della stessa avrà inevitabilmente sulla credibilità politica dei signori consiglieri; in particolare, questa situazione peserà moltissimo, a nostro parere, sulla parte trentina della politica, che non ha i numeri della SVP in Alto Adige, dove invece tale forza politica è dominante e si può permettere posizioni come quella presa in sede di votazione della legge.
 
- In conclusione, rimane la nostra grande delusione nell’apprendere che una proposta di legge popolare, simbolo della democrazia partecipativa di cui tutti i politici votanti in consiglio regionale si ergono a paladini, sia stata bocciata con tale sfrontatezza e in modo così palesemente trasversale.
Non lamentiamoci, poi, se sempre meno gente andrà a votare. Ognuno raccoglie ciò che semina.
 
Presidenza del circolo Acli di Gardolo: Marco Ianes, Claudio Scaramuzza, Guerino Tezzon, Bruno Rizzi, Egizia Pozzatti, Elide Raffaella Svaldi, Augusto Casata, Luigi Moser, Giuseppe, Merler,Claudio Barbacovi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone